Linetty conta sui tifosi doriani: «Fate il tifo per noi!»

Linetty Polonia
© foto www.imagephotoagency.it

Linetty racconta il suo Mondiale: «Ho dovuto cercare su internet i calciatori del Senegal! Niente Italia? I doriani tifino per noi»

Difficile immaginare quanta sia l’emozione di Karol Linetty per la sua prima Coppa del Mondo da protagonista con la Polonia; di certo, come affermato dal centrocampista a Samp TV, i primi ricordi di un Mondiale, per il centrocampista doriano, portano ancora una volta in Italia: «Il mio primo ricordo è il Mondiale del 2006 vinto dagli azzurri, anche se io ero grande tifoso di Zidane. Tutti sognano di giocare il Mondiale, le qualificazioni sono difficili. Lewandowski non è l’unico giocatore forte della Polonia, abbiamo Piszczek che gioca al Borussia Dortmund, Glik al Monaco, Krichowiak ha giocato al PSG, Grosicki gioca nell’Hull City; abbiamo tanti giocatori che giocano in buone squadre, ma l’importante è il collettivo, la squadra che gioca insieme: è così che si vince. Con Bereszynki non ho giocato molto al Lech Poznan, con Kownacki per tre o quattro anni siamo stati insieme. Adesso ci conosciamo bene e sappiamo cosa aspettarci l’uno dall’altro».

Il Mondiale è un’occasione da non fallire, che non consentirà passi falsi: «Sarà difficile, si qualificano solo le prime due del girone, le altre vanno già a casa. La prima partita è contro il Senegal, e io non sapevo nemmeno che calciatori avesse: ho controllato su internet e ho visto che sono tutti in Premier League, dei buoni giocatori. Anche del Giappone non conosco nessuno. Della Colombia invece conosco Zapata e Muriel per via della Sampdoria». L’Italia fuori dai Mondiali ha fatto notizia anche all’estero: «So che c’è grande tristezza in Italia perché dopo decenni gli azzurri non si sono qualificati, magari i tifosi della Samp faranno il tifo per la Polonia! Favorite per la vittoria? Spagna, Brasile, Argentina. A me piacerebbe giocare e vincere più partite possibile – ha concluso il numero 16 della Sampdoria –, anche per far contenti i nostri tifosi».