Lite con Allegri, l’ex Cagni su Adani: «I suoi pistolotti…»

Cagni Serie A
© foto www.imagephotoagency.it

Cagni difende Allegri e attacca Adani: «Sentire i suoi pistolotti farebbe arrabbiare anche me»

Che Gigi Cagni abbia spesso esternato quello che pensava, senza preoccuparsi delle possibili conseguenze è cosa nota. Lo fece all’epoca di Walter Zenga affermando di essere stato usato e di recente parlando di Joachim Andersen in relazione alla nuova corrente di pensiero che vuole i difensori abili soprattutto nella costruzione del gioco. Nel weekend del Derby d’Italia, è tornato a parlare e lo ha fatto per schierarsi dalla parte di Massimiliano Allegri, autore di una sfuriata televisiva contro il commentato di Sky Sport Lele Adani.

L’ex allenatore della Sampdoria non si è risparmiato: «Lo dico sinceramente, quando c’è Adani tolgo il volume. Dopo una partita, sentire i suoi pistolotti, farebbe arrabbiare anche me. Lele cerca di fare il protagonista, quando il vero protagonista è il calcio. La tattica è semplice, i media la rendono difficilissima. Il bel gioco? In Italia se non vinci diventa un problema. Quest’anno, all’inizio, hanno messo in discussione anche Gasperini. Adani non è preparato, fa vedere sulla lavagna cose che sono irrealizzabili».