Giampaolo in conferenza stampa: «Difendere collettivamente e sfruttare le nostre caratteristiche»

Giampaolo conferenza
© foto www.imagephotoagency.it

Mancano più di 24 ore alla partita che la Sampdoria dovrà disputare contro l’Inter tra le casalinghe mura dello stadio Luigi Ferraris. Dopo la sconfitta contro la Juventus, un 4-1 penalizzante per la Sampdoria i ragazzi di Giampaolo dovranno cercare di portare a casa i tre punti per rimettersi subito sulla giusta strada.

Intervenuto in conferenza stampa, alla vigilia del match, Marco Giampaolo presenta la gara che la Sampdoria dovrà disputare contro i nerazzurri. La Sampdoria viene da un ciclo di partite difficili, prima il Derby della Lanterna, poi la Juventus e adesso l’Inter di De Boer alla disperata ricerca di punti: «È un’altra partita difficile» esordisce Giampaolo «ma le affrontiamo una alla volta. Abbiamo ricaricato le batterie, la squadra è pronta a giocarsi la sua partita». Archiviare la partita contro la Juventus non deve essere stata cosa facile: «La Juventus è una squadra di fenomeni, il risultato poteva essere però meno penalizzante. Dimentichiamo il risultato negativo maturato a Torino per poter giocare al meglio la sfida di domani sera contro l’Inter».

L’Inter alla disperata ricerca di punti, con Medel squalificato: «Non so cosa aspettarmi dai nerazzurri: rosa fortissima, ma è una squadra pazza come dicono gli stessi tifosi dell’Inter. Abbiamo preparato la partita cercando di pensare a una difesa collettiva, sul piano individuale infatti il rischio è quello di soccombere. L’importante è giocare questa partita con i mezzi che abbiamo, sfruttando le nostre caratteristiche migliori. De Boer è un maestro di calcio e apprende velocemente anche se viene da un campionato diverso dal nostro, ha a disposizione una rosa forte ma come vale per tutti, sono i risultati ad incidere sul giudizio di un tecnico»

Dalla partita contro la Juventus è uscito acciaccato Praet mentre Schick ha realizzato la sua prima rete: «Spero nel recupero di Praet, anche se purtroppo si sta portato deitro ancora qualche problema. Schick è un giocatore che si farà: ha bisogno di tempo e soprattutto di fare la giusta esperienza, ma è innegabile il talento e va fatto maturare e crescere correttamente».

A breve verrà diramata la lista dei convocati ufficiale.

Articolo precedente
30 Anni e non sentirli: 1986, Cerezo regala la vittoria alla Sampdoria contro l’Ascoli
Prossimo articolo
De Boer: «Ho fiducia in una bella partita»