Livorno, respinto il ricorso: il Lanciano ai playout

© foto www.imagephotoagency.it

È stato giudicato inamissibile dalla Corte di Giustizia Federale del CONI il ricorso presentato dal Livorno nei confronti del Lanciano. Oltre alla discussa giornata che ha visto sfidarsi le due compagini – gli abruzzesi avevano recuperato lo svantaggio di 2-0 grazie a un rigore generoso -, la società amaranto chiedeva l’annullamento di tre dei cinque punti restituiti in modo tale da poter ancora sperare di approdare ai playout.

 

Tanta fatica per nulla, invece. La formazione di Federico Bonazzoli e Michele Rocca affronterà regolarmente la doppia sfida per non retrocedere contro la Salernitana. Questo il comunicato ufficiale: «La Seconda Sezione del Collegio di Garanzia dello Sport, presieduta dal prof. Zimatore, ha respinto il ricorso presentato dalla Procura Generale operante presso il CONI e dalla Procura Federale FIGC contro Claude Alain Di Menno di Bucchianico nonché contro la Società S.S. Virtus Lanciano 1924 s.r.l. Ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura Federale FIGC relativamente al motivo proposto contro il sig. Angelo Castrignanò. Infine, ha compensato per intero tra le parti le spese del giudizio. Ciò premesso, rimane inalterato quanto disposto, sul piano sanzionatorio, dalla decisione della Corte Federale d’Appello FIGC, Sezioni Unite, il 13 maggio».

Articolo precedente
Lazaar, non solo la Samp: sull’esterno anche lo Swansea
Prossimo articolo
Puscas saluta Bari: Samp alla finestra