Luan-Samp, il Gremio inverte la rotta: «Venderlo sarebbe l’ideale per tutti»

luan gremio
© foto www.imagephotoagency.it

Ora il Gremio apre alla cessione di Luan: «Sarebbe un buon affare per tutti». E’ duello Sampdoria-Spartak Mosca

La situazione si fa incandescente in casa Gremio, con Luan, pedina pregiata della rosa a disposizione di Renato Portaluppi, che sembra ormai con le valigie in mano. Al momento, l’unica squadra ad aver formulato un’offerta ufficiale è stata la Sampdoria – che ha messo sul piatto circa 18 milioni di euro -, che sta valutando in queste ore una controproposta, come rivelato dallo stesso presidente Romildo Bolzan. Nelle ultime ore si è prepotentemente aggiunto alle pretendenti anche lo Spartak Mosca, che finora ha effettuato solo un sondaggio e fatto sapere che è disposta ad elargire circa 20 milioni di euro per l’attaccante. Dopo un primo momento di incertezza, con il Gremio deciso a far di tutto per trattenere Luan, ora la sua cessione – in un senso o nell’altro – sembra più vicina: «Una sua vendita non sarebbe buona solo per noi, ma anche per il giocatore – ha dichiarato il numero del club, al termine della partita contro l’Atletico-MG -. Entrambe le parti sarebbero pienamente soddisfatte. Luan ha 24 anni, è stato già un campione qua al Gremio. Ora è il momento che realizzi la sua carriera, andando avanti. E’ un ciclo. Finora siamo riusciti a trattenerlo, ma altri giocatori stanno emergendo. E’ il momento di soddisfare sia lui che la società». Sulle intenzioni dello Spartak, Bolzan si è così pronunciato: «Nei termini attuali, non si andrà avanti. Se si avvicineranno alle nostre richieste (24 milioni di euro, ndr), allora si potrà concludere, ma questo non è ancora successo».

LE PAROLE DI ZANOTTA – La richiesta che il Gremio fa sempre presente a chiunque chieda informazioni per il suo gioiello, è quella di poterlo trattenere in rosa fino a dicembre, ovvero fino al termine del campionato. Su questo aspetto, Luan non si è ancora espresso: «Non ne abbiamo parlato – ha spiegato il direttore esecutivo André Zanotta -, ma immagino che abbia interesse ad aiutarci. Tuttavia, se arriverà una proposta importante, è ovvio che vorrà andarsene. Dobbiamo tenere presente che è in Europa è estate, sono ancora in pre-campionato ed è molto più facile adattarsi ora. Capisco il loro punto di vista, hanno ragione a non voler aspettare». Sulla proposta dello Spartak Mosca, Zanotta non si sbottona, ma al contempo avverte: «Ci si deve preparare a lasciarlo andare, perché si sa che è il miglior giocatore del calcio brasiliano. Per lui non posso dire che accetteremo o meno una cifra – prosegue – perché quest’ultima deve essere formalizzata. Poi ci sono una serie di cose: dettagli, forme di pagamento, percentuali agli altri detentori del cartellino, una marea di altre questioni che influenzano direttamente il valore del giocatore». La tanto attesa offerta ufficiale – rivela globoesporte.com – dovrebbe arrivare tra domani e mercoledì. Solo allora si potrà cominciare a trattare veramente. Intanto, dopo le ultime dichiarazioni, la Sampdoria si allontana dal classe ’93: forse il prezzo troppo alto, o la volontà del giocatore, ma ad avere la meglio potrebbe essere la società russa.