Connettiti con noi

Gli Ex

Mannini a tutto tondo: «Da Ranieri ad Audero: ecco cosa penso»

Pubblicato

su

Moreno Mannini, ex giocatore della Sampdoria, ha rilasciato un’intervista in merito ad alcune tematiche legate ai blucerchiati

Moreno Mannini, ex giocatore della Sampdoria, ha rilasciato un’intervista in merito ad alcune tematiche legate ai blucerchiati. Ecco le sue parole a Tuttomercatoweb.com.

RANIERI – «Ranieri non ha fatto male, il campionato rientra nelle aspettative. Del resto da anni la squadra combatte tra il nono, decimo e undicesimo posto. La situazione è stata con lui più o meno sempre tranquilla, per quella che è la forza della rosa ha ottenuto buoni risultati».

CONFERMA O CAMBIO – «Dipende dalle scelte e dalla ambizioni della Samp; se vuol rischiare e far giocare giovani inesperti e anche scommesse allora si può pure puntare su chi li lancia ma non so se valga la pena anche perchè basta un attimo a mettersi nei guai. L’esperienza a me piace e Ranieri ha fatto bene il suo lavoro. Con una squadra più forte migliorerà sicuramente la posizione».

FAGGIANO E VAGNATI –
«Professionisti di spessore, poi dipende però anche dal presidente e quanto spazio di manovra eventualmente potranno avere».


MIGLIORI –
«Più che un singolo vedo una squadra che gioca bene, è difficile batterla e può vincere con chiunque»

KEITA – «Appena arrivato ha fatto vedere qualità, poi non so il motivo per cui ora giochi meno, se per una questione tattica o fisica».

AUDERO –
«Se mi è piaciuto Audero? Sì così come sono soddisfatto del reparto difensivo, Audero sta dando tranquillità e sicurezza, Ha fatto un bel campionato ed è normale che sia richiesto, in Italia non abbiamo portieri. Dovendo ora giocare con i piedi il ruolo sta perdendo specificità. Ha fatto esperienza, si sente considerato ed entra in campo più sicuro. Se deve restare alla Samp? Assolutamente sì, dipende dal club ma se vuol giocare deve star qui, Se va ad esempio alla Juve, ipotesi di cui si è parlato, il rischio concreto è stare in panchina, Ora che ha trovato la sua dimensione è opportuno che rimanga a Genova».