Connettiti con noi

Hanno Detto

Marotta: «Serie A? Servono nuovi ricavi e infrastrutture»

Pubblicato

su

Marotta ha fatto il punto sul calcio italiano: le sue parole su diritti tv, fondi, infrastrutture e cambio della formula del torneo

Beppe Marotta, direttore sportivo dell’Inter, ha fatto il punto sul calcio italiano: le sue parole su diritti tv, fondi, infrastrutture e cambio della formula del torneo a Radio Anch’io.

RINNOVO CALCIO ITALIANO – «Credo che si inizierà presto, dobbiamo eliminare la litigiosità e i contrasti tra Federazione e Lega. Servono nuove forme di ricavo, i diritti tv devono essere valorizzati attraverso promozione e vendita, soprattutto all’estero. Abbiamo meno ricavi rispetto a Spagna e Inghilterra. Si parla di Media Company, sono d’accordo ma dobbiamo capire bene come fare. Manca la cassa, questa è la cosa più importante. Poi devono essere rivisti i campionati, magari introducendo il semi professionismo. Serve poi l’investimento delle infrastrutture, gli stati hanno una vita media di 63 anni e negli ultimi anni ne sono stati fatti solo due».

SKRINIAR-PSG – «Secondo me questo è un mercato dove è più difficile sostituire un attaccante che un difensore. Quello sarà il settore dove saremo costretti ad agire. Stiamo ipotizzando alternative valide nel caso in cui qualcuno dovesse partire. Bremer è un giocatore che farebbe comodo a tantissime squadre di vertice, è un giocatore sul quale sono poste tutte le nostre attenzioni».