Milan-Sampdoria, Giampaolo spegne le polemiche: «Non protesto»

Giampaolo Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Milan-Sampdoria, Giampaolo al termine del match commenta la gara

Una partita difficile per la Sampdoria che non sembra trovare il bandolo della matassa, che subisce il pressing rossonero e offre una prestazione al di sotto delle sue potenzialità sia come gruppo, sia a livello individuale. Il gol di Bonaventura taglia le gambe ai blucerchiati che non riescono a recuperare lo svantaggio e subiscono le incursioni offensive degli avversari. Manca un rigore a favore della squadra blucerchiata, ma Doveri e il VAR ritengono il colpo di mano di Calabria involontario.

Intervenuto ai microfoni di SkySport, Giampaolo commenta la partita disputata in trasferta: «Sono i calciatori che fanno la differenza in campo, Gattuso ha una squadra forte che palleggia bene, forte nell’uno contro uno e che ha vinto meritatamente. Abbiamo fatto una gara di grande sacrificio, mancando forse qualcosa negli ultimi trenta metri. Ha più meriti il Milan che demeriti la Sampdoria. Abbiamo dovuto faticare, raddoppiare, abbiamo perso il palleggio: il Milan ha fatto la migliore partita di quest’anno, noi l’abbiamo subita ma non ho grandi cose da rimproverare alla squadra. L’episodio del rigore? Io non protesto per gli episodi, me lo hanno detto che era fuori area e che il VAR non avrebbe potuto intervenire. Il Milan è stato bravo a toglierci profondità, nel secondo tempo ho chiesto di giocare più incontro ma siamo venuti meno nel breve, nel fraseggio corto. Caprari aveva l’obiettivo, assieme a Kownacki, di sviluppare azioni in rapidità, ma è stato bravo il Milan ad impedircelo. Zapata ha fatto solo un errore. Quando è uscito, avrebbe dovuto salutare il compagno che entrava».