Milan-Sampdoria, le pagelle: Viviano fa i miracoli, Murru disastroso

viviano sampdoria pagelle
© foto www.imagephotoagency.it

Milan-Sampdoria, le pagelle: Suso fa vedere le stelle a Murru, Viviano para il rigore ma non basta

CLICCA QUI PER LA MOVIOLA
CLICCA QUI PER LA SINTESI E IL TABELLINO

Viviano 6 – Para il terzo rigore consecutivo salvando la Sampdoria a pochi minuti dall’inizio della gara. La bomba di Bonaventura gli passa sotto il corpo, ma la vera domanda è come sia possibile che il centrocampista sia arrivato a tirare libero ed indisturbato con quattro blucerchiati in area. Viene impegnato in altre parate impegnative, facendosi trovare sempre pronto.

Bereszynski 5,5 – Sicuramente meglio di Murru e per questo motivo il Milan insiste più sulla fascia del terzino mancino che su quella presidiata dal polacco. Spinge meno rispetto che nelle altre gare.

Silvestre 5,5 – Poca lucidità anche per un veterano come il difensore argentino. Nel primo tempo c’è la responsabilità di tutti sul gol di Bonaventura, arrivato al tiro senza trovare difficoltà. Assieme al compagno di reparto Ferrari fa salire bene la linea, infatti Bonucci si trova in fuorigioco sul gol – poi annullato – ma serve più attenzione.

Ferrari 5,5 – Contro questo Milan si fatica, ma lasciare andare al tiro indisturbato Bonaventura in mezzo all’area è un concorso di colpa tra difesa e centrocampo che non può passare inosservato. Prende il giallo che lo fa andare in diffida.

Murru 4 – Va in difficoltà fin dai primi minuti di gioco, dalla sua parte insiste Suso con gli inserimenti di Calabria. A nemmeno dieci minuti di gara causa il rigore, il secondo in campionato nella stessa maniera con il braccio allargato in area, che Viviano fortunatamente para. Nel secondo tempo fatica sempre a causa di Suso e Calabria.

Linetty 5,5 – Recupera un’ammonizione a metà primo tempo che lo condiziona per tutto il resto della gara. Cerca di dare il massimo ma anche lui non riesce a cambiare il volto alla gara.

Torreira 5 – Il Milan non gli permette di dettare i tempi ai suoi compagni di squadra, prova a tenere alto il baricentro dei blucerchiati ma con fatica. Poco incisivo anche nel secondo tempo.

Barreto 5 – Rodriguez sistematicamente lo supera in velocità e nella sua zona di competenza insiste anche Çalhanoğlu, fatica per tutto il primo tempo e i pochi minuti giocati della ripresa (dal 9′ s.t. Verre 5,5 – Tre falli, due suoi quali Doveri sorvola il terzo che gli fa procurare un giallo e una punizione per il Milan che non viene sfruttata, ma che fa passare minuti importanti in attacco ai rossoneri).

Ramirez 5,5 – Appare molto nervoso ad inizio gara, si calma e diventa più lucido nel corso della partita. Non riesce ad incidere e a rendersi pericoloso, c’è da dire che la partita la fa il Milan. (dal 26′ s.t. Kownacki 5,5 – Viene pescato in fuorigioco e viene chiuso sul pallone servito da Quagliarella in area, ci prova una terza volta ed è Donnarumma ad anticiparlo. Solo queste le azioni che lo vedono protagonista).

Zapata 5 – Un primo tempo fatto di poca concretezza complice un Milan decisamente arrembante che permette pochissime azioni offensive alla Sampdoria. Viene sostituito all’inizio del secondo tempo, è evidente che l’affaticamento fisico sta condizionando troppo l’attaccante colombiano (dal 9′ s.t. Caprari 5 – Subentrare a partita in corso non sembra giovargli, rispetto alla gara disputata contro il Verona non incide. A pochi minuti dalla fine non riesce a deviare in rete il pallone del pareggio).

Quagliarella 5 – Nel primo tempo non ha tante occasioni per poter arrivare al tiro, il possesso palla è nettamente rossonero e anche l’attaccante di Castellammare fatica. Nella ripresa si replica quasi per la totalità quanto visto nei primi 45′ minuti di gioco, non può fare sempre tutto il classe ’83. Cerca di servire un delizioso pallone a Caprari che il compagno di reparto non riesce a deviare in rete.