Milan-Sampdoria, il punto rossonero: Kalinic out, dubbi a centrocampo

© foto www.imagephotoagency.it

Milan-Sampdoria, Gattuso svela qualche indizio su come sarà il suo undici iniziale. Dubbi sul sostituto di Kessié, Kalinic verso i forfait

Dopo le consuete conferenze stampa della vigilia, per Marco Giampaolo e Rino Gattuso è tempo di proseguire la preparazione. Se per il tecnico blucerchiato l’appuntamento pomeridiano è con la rifinitura, per il collega rossonero è con un allenamento vero e proprio. Essendo tornati dalla Bulgaria solo da un giorno, i ragazzi di Gattuso hanno effettuato nella giornata di ieri una seduta di scarico atletico e inizieranno a preparare la gara contro la Sampdoria a partire dalla seduta di oggi pomeriggio. Come affermato dal tecnico rossonero il poco tempo per preparare la gara deve essere considerato non un alibi o una scusa in caso di sconfitta, ma come una prova da superare. Gattuso, sempre in conferenza, non ha tradito qualche preoccupazione a livello fisico: mentre il recupero mentale deve essere immediato, quello fisico – soprattutto per i ragazzi che hanno giocato l’intera partita di coppa contro il Ludogorets – non è così scontato.

Verso il forfait assicurato, come già annunciato in settimana, è l’attaccante croato Kalinic. I problemi legati alla pubalgia non danno tregua al centravanti rossonero che sarà costretto a saltare anche la gara contro la Sampdoria. I dubbi del tecnico rossonero sono prevalentemente a centrocampo dove arriva dalle parole di Gattuso la conferma di non avere un sostituto naturale a Kessié. Chi giocherà tra Locatelli e Montolivo non è ancora chiaro sebbene il secondo dia più sicurezza al tecnico rossonero, mentre il primo ha passato un periodo di calo. Per il reparto offensivo nessun dubbio sulla presenza di Cutrone, arriva anche la conferma di Çalhanoğlu, Suso e Bonaventura probabilmente dal primo minuto. Il tecnico ha poi elogiato la sua difesa a quattro, confermando la sensazione che anche contro i blucerchiati non si priverà di Calabria, Romagnoli, Bonucci e Rodriguez.