Missione Jankto: la strategia di Giampaolo

jankto
© foto www.imagephotoagency.it

Jankto è l’oggetto misterioso di questo inizio di campionato della Sampdoria: Giampaolo studia un modo per renderlo protagonista

In queste prime otto partite di Serie A, che la Sampdoria ha affrontato con ottimo piglio sia in casa che in trasferta ottenendo ben 14 punti, c’è una questione che continua a tenere banco. L’acquisto più oneroso del mercato estivo, Jakub Jankto, continua infatti a non trovare il campo: dopo la partenza da titolare contro l’Udinese, partita persa male dai blucerchiati alla prima di campionato, il ceco non ha mai più giocato dal primo minuto, restando per tre volte di fila in panchina nelle partite successive – Napoli, Frosinone, Fiorentina – e assaggiando il campo solo per pochi minuti contro Inter – 31′ -, Cagliari – 10′ – e Spal -7′. Sembra infatti che Giampaolo abbia trovato la quadra del centrocampo ruotando sostanzialmente tre mezze ali: Edgar Barreto, Dennis Praet e Karol Linetty.

In questa turnazione dei centrocampisti Jankto non è mai realmente entrato: legittimo chiedersi dunque come mai sia successo ciò, anche e soprattutto considerando l’ingente investimento della società in estate per portare il classe ’96 a Genova. Di certo, Jankto si è dovuto confrontare con un sistema di gioco differente rispetto a quello che gli ha consentito di consacrarsi in Friuli come uno dei migliori centrocampisti della Serie A, e, a quanto pare, l’apprendistato sembra non essere ancora finito. Certo è che lasciare in panchina un giocatore di qualità e quantità come il numero 14, è davvero un peccato: ecco perché Giampaolo starebbe studiando un modo per rendere protagonista Jankto, coinvolgendolo di più nelle rotazioni della linea mediana. L’obiettivo primario del tecnico doriano sarà dunque, nelle prossime settimane, quello di recuperare l’ex bianconero, concedendogli più minuti e, chissà, anche una maglia da titolare nelle prossime partite. Per proseguire in modo brillante questo campionato ci sarà d’altronde bisogno anche e soprattutto della panchina, e contare sul giocatore ammirato a Udine nelle ultime stagioni non potrebbe che giovare alla Sampdoria nel proseguo di questa Serie A.

Articolo precedente
torreira arsenalTorreira già idolo dell’Arsenal. E i tifosi gli dedicano un coro – VIDEO
Prossimo articolo
Sampdoria ManciniMancini benedice l’Academy: «Tenete alto il nome della Samp»