Moratti e il sogno Mancini: «Tentai, ma per la Samp era di famiglia»

moratti inter
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex presidente dell’Inter Moratti sul mancato arrivo di Mancini: «Per la Sampdoria era un pezzo della famiglia»

Ci sono giocatori che sono incedibili. Uno di quelli, per la Sampdoria, è stato certamente Roberto Mancini, fuoriclasse e recordman di gol segnati in maglia blucerchiata, quella maglia che ha vestito con orgoglio dal 1982 al 1997. All’epoca, il numero 10 era il sogno di tutti i top club italiani, compreso l’Inter, che nel 1995, sotto la presidenza di Massimo Moratti, tentò di aprire una trattativa: «Tentammo, come per Cantona, ma per la Samp era ritenuto un pezzo della famiglia da giocatore. Oggi a me piace molto Gabriel Jesus», ha dichiarato l’ex numero uno nerazzurro a margine di un incontro a Milano presso l’Irccs Istituto nazionale dei tumori (INT). L’Inter riuscirà poi a tesserare Mancini solo nel 2004, ma in qualità da allenatore.