Muriel, è una stagione da record

muriel sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Mai come in questa stagione Luis Muriel sta mettendo in luce le proprie qualità: un giocatore rinato e più costante al servizio della Sampdoria

Lo straordinario rendimento di Luis Muriel durante questa stagione è sotto gli occhi di tutti. Meno manie di protagonismo, meno testardaggine e leziosità, più concretezza e numeri: sotto la guida di mister Giampaolo, l’attaccante colombiano della Sampdoria ha imparato a mettere le sue doti da campione al servizio della squadra, passando dall’essere solamente un autore di gol impossibili (e quasi mai continuo) ad essere un vero e proprio assist-man, un pericolo costante per le difese avversarie sempre pronto a servire il pallone vincente al proprio compagno al posto che pensare a se stesso. La forma fisica smagliante con cui si era presentato già all’inizio di stagione faceva presagire buoni risultati, ma in pochi potevano immaginare un rendimento del genere, che potrebbe – finalmente – significare il raggiungimento del tanto agognato anno della consacrazione.

MURIEL, STAGIONE DA RECORD – Il fulmine blucerchiato con il 9 sulla schiena non è solo bello a vedersi, ma concreto: nonostante spenda molte energie per il lavoro di pressing continuo che Giampaolo richiede anche agli uomini più avanzati, in fase offensiva è sempre pericoloso e finora il suo score personale ammonta a 9 assist e altrettante reti segnate. Se contiamo anche i due gol segnati al Bassano Virtus durante il turno preliminare di Coppa Italia, ecco qua che la doppia cifra è servita. Fatta eccezione per quei due mesi di digiuno (da fine novembre e fine gennaio), fin qui la stagione di Muriel è da incorniciare: mai nella sua carriera era stato così prolifico, neanche ai tempi d’oro di Udine. Nell’annata 2012-13, infatti, aveva messo a segno 11 marcature, ma attualmente mancano ancora tante giornate alla fine del campionato e questa barriera si può tranquillamente sfondare; per quanto riguarda gli assist, invece, il numero massimo ottenuto era di 8, durante la sua prima e unica stagione con la maglia del Lecce (2010-11). A giugno forse sarà il momento di salutarsi, il momento in cui il talento da sempre parzialmente inespresso spiccherà il volo verso un top club, ma intanto Muriel ha tutti i numeri per poter regalare al pubblico della Sampdoria ancora tante gioie in questa annata speciale per lui. E ci auguriamo che possa continuare il suo trend positivo anche nel prossimo impegno di campionato: l’attesissimo Derby della Lanterna, in cui aveva già messo la propria firma all’andata.

Articolo precedente
tavecchioElezioni FIGC, rieletto Tavecchio: le congratulazioni della Sampdoria
Prossimo articolo
genoaGenoa, ripresa anti-Samp: scarico e programmi personalizzati