Obiang torna al Ferraris: «Amo la Samp, ma penso al Sassuolo»

obiang sassuolo
© foto www.imagephotoagency.it

Obiang torna al “Ferraris” da avversario: «Per la Sampdoria proverò sempre qualcosa di speciale, ma ora penso al Sassuolo»

Domenica al “Ferraris” arriverà il Sassuolo e, salvo imprevisti, per Pedro Obiang sarà la prima volta in carriera che affronterà la Sampdoria nei panni di avversario. Riabbracciare il suo vecchio stadio tinto di blucerchiato farà un certo effetto: «Sarà emozionante. Già due settimane fa tornando per la partita con il Genoa qualche scossa emotiva la avevo avuta. Ho passato tanti anni a Genova e nella Samp, non ho mai negato che proverò sempre qualcosa di speciale per quei colori».

«Detto questo – prosegue l’ex centrocampista doriano a Il Secolo XIX – me lo sarei sicuramente gustato di più questo appuntamento con il destino, lo spettacolo dello stadio, se fosse stato all’ultima giornata senza preoccupazioni di classifica per nessuno. Adesso non è così, quindi avrò poco tempo per le emozioni. Devo pensare al mio Sassuolo».

A soli tre punti di distanza in classifica, anche i neroverdi non possono dormire sonni tranquilli e verranno a Genova con la necessità di fare bottino pieno: «Siamo un ottimo gruppo, con un allenatore che propone una filosofia di gioco marcata da una forte identità e riconoscibilità. Certamente non verremo a Marassi per fare barricate e contropiede. In questo momento avremmo bisogno di una continuità di risultati, se vogliamo maturare si passa da lì. Dare seguito alla vittoria sul Torino. Quella con la Samp sarà una sfida difficile, disputeremo una partita rispettosa e molto seria».