Osti chiarisce: «Nessuno ha mai parlato di Europa»

Osti dopo Sampdoria-Torino: «Nessuno ha mai parlato di Europa, è presto per parlare di obiettivi. Oggi inferiori in tutto». E su Vieira e Tavares: «Chiedete a Giampaolo»

LE PAGELLE DI SAMPDORIA-TORINO
SAMPDORIA-TORINO: GLI HIGHLIGHTS
SAMPDORIA-TORINO: LA FOTOGALLERY

La Sampdoria esce malconcia dal “Ferraris”, dopo il 4-1 che il Torino è stato in grado di rifilarle questo pomeriggio. Il ds blucerchiato Carlo Osti ha commentato la sconfitta in mixed zone, mettendo in chiaro prima di tutto le intenzioni societarie: «Di sogni europei non ne ha mai parlato nessuno. È una sconfitta che sicuramente ci fa riflettere, perché oggi il Torino ci è stato superiore in tutto. Ci lecchiamo le ferite e prepariamo la settimana in vista della gara di Roma. 7 gol in 2 partite? Penso che tutte le squadre debbano crescere, e quindi anche noi: oggi il Torino ha saputo sfruttare quasi tutte le occasioni avute, archiviamo in fretta questa partita e ricominciamo. Il bello del calcio è che ogni settimana c’è un esame, abbiamo dimostrato di avere dei valori che con il tempo speriamo di riuscire a esaltare.

«Io dico sempre che la Sampdoria dovrebbe cercare di collocarsi nella parte sinistra della classifica, questo vuol dire che si può arrivare decimi o anche più in su: dipende da noi ma anche da altre squadre costruite per obiettivi più importanti che possono perdere dei colpi durante una stagione. Il Torino credo che abbia pari ambizioni alla Samp, oggi ha fatto una grande partita e dal primo minuto ha dimostrato grande intensità e qualità. È riuscita a mantenere sempre il controllo della partita, ma ne abbiamo ancora 27 davanti e penso sia prematuro parlare di obiettivi e di sogni. Dobbiamo lavorare come abbiamo sempre fatto – ricorda Osti – sapendo di dover migliorare delle cose: per questo il mister è una garanzia, è un grande lavoratore e ha uno staff di prima qualità con lui. Nessuno ha mai parlato di Europa come obiettivo societario».

Il calendario metterà di fronte alla Sampdoria due gare complicate contro Roma e Genoa: «Partite facili o difficili, non è quello il problema. L’importante è che la Samp sappia assorbire in fretta questa battuta d’arresto, che oggi ci brucia, e sappia ripartire con lo spirito giusto come fatto altre volte». Osti rassicura sulle condizioni di Walter Sabatini: «Sta bene e presto tornerà con noi, poi per altre cose non sono la persona adatta a parlare. Guarda le partite ed è sempre in contatto con tutti noi, sta molto meglio». Infine una battuta sul mancato impiego di Ronaldo Vieira e Junior Tavares: «Questa domanda dovete farla a Giampaolo, io sono il direttore sportivo e non l’allenatore, poi mi sembra fuori luogo parlare di giocatori che non hanno giocato. In altri momenti avremo il modo di parlare di chi ha avuto poco spazio»

Articolo precedente
praet sampdoriaPraet vuole attenzione: «Troppo facile farci gol»
Prossimo articolo
giampaolo saponara sampdoriaGiampaolo non fa drammi: «Andremo a Roma con entusiasmo»