Palombo, buona la prima in difesa

palombo
© foto www.imagephotoagency.it

Chiamato in campo per l’emergenza e il caso Silvestre, Angelo Palombo se l’è cavata bene in quel di Verona: la sua prestazione

Non è facile farsi trovare pronto, mai. Figuriamoci quando ti chiamano ad assolvere a un compito che abitualmente non sei portato a fare. Angelo Palombo è così: negli anni si è adattato e magari può allungarsi la carriera riciclandosi in altri ruoli. Come quello di difensore centrale, un abito improvvisamente ritirato fuori per la partita di ieri contro il Chievo, vista l’assenza di Silvestre per la querelle rinnovo.

GESTIONE – In fondo, nell’ultimo anno e mezzo Palombo è stato poco utilizzato (siamo a 11 presenze tra A e Coppa Italia): la sua mobilità in campo non è la stessa di prima e questi problemi hanno cominciato a emergere già dall’anno in B. Negli anni non si è risolta la situazione, finché non è arrivato il 2015-16: Walter Zenga ha avuto tanti demeriti, ma l’arrivo di Fernando e le sue scelte han permesso a Palombo di rifiatare ed evitare prestazioni scadenti. Montella ha continuato su questa via e lo stesso Giampaolo ha puntato su Torreira per la cabina di regia.

EMERGENZA – Fare il difensore centrale non è il suo futuro costante (vedi Samp-Vojvodina), ma Palombo potrebbe esser utilizzato di tanto in tanto nel ruolo. In una gara come quella di ieri, per esempio, contro una squadra organizzata ma che non ama impostare il gioco, Palombo si è trovato bene. Anzi, è stato l’unico a salvarsi nella pessima giornata della linea difensiva blucerchiata. Come rilevato anche da questo grafico di FourFourTwo, il capitano blucerchiato si è rivelato prezioso per lo smistamento del pallone.

© FourFourTwo

Sei rinvii, un tiro bloccato (quello di Meggiorini a porta spalancata), tre duelli aerei vinti e un intercetto. Ma soprattutto tanti passaggi per proseguire il possesso. Non chiedetegli verticalizzazioni, perché quel compito spetta ad altri in questa squadra (e Palombo non sembra più adatto a quel vestito tattico). Per altro, meglio abituarsi: se la situazione Silvestre dovesse prolungarsi, Palombo potrebbe esser in campo più di quanto si aspetti.