Pazzini nostalgico: «Alla Samp gli anni più belli». E lancia la sfida a Cassano

pazzini sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Pazzini si immerge nei ricordi: «Alla Samp gli anni migliori, quanti gol». Poi applaude Quagliarella e lancia la sfida a Cassano

È un Giampaolo Pazzini nostalgico, quello intervistato dai microfoni di DAZN. L’attaccante e capitano dell’Hellas Verona, chiamato a riavvolgere il nastro della propria carriera, ha ricordato così il periodo trascorso a Genova: «Sicuramente, se devo pensare agli anni più belli, mi vengono in mente quelli con la Sampdoria. Sono quelli che tutti si ricordano di più e durante i quali ho segnato tanti gol, sia con la Nazionale che in Champions League». Adesso, al suo posto, ci pensa Fabio Quagliarella a bucare la rete: «Sono contento per Fabio – ammette Il Pazzo – ho sempre odiato l’invidia e se c’è uno che merita è proprio lui».

Una carriera fortunata, quella dell’ex bomber blucerchiato, ma sudata: «Non ho mai coltivato rapporti con allenatori, direttori, presidenti. Sono sempre stato uno che ha fatto quello che ha fatto, poco o tanto che sia, per meriti. Chiaro però che ci sono stati tanti comportamenti di persone che si sono comportate male. Quando le rincontrerò, loro faranno il giro un po’ più largo, io invece potrò andare dritto. Questa è la cosa che mi rende orgoglioso».

Tra delusioni passate e obiettivi future, Pazzini lancia una sfida ad Antonio Cassano, suo compagno di squadra proprio alla Sampdoria: «Quest’anno ho sbagliato un paio di rigori e mi è dispiaciuto molto, ma in fondo in carriera ne ho calciati tanti, più di quaranta, sbagliandone solo tre. La Serie A? Spero di tornarci, voglio migliorare il mio score di reti per superare Cassano nella classifica all-time dei gol segnati», ha concluso.