Pellissier: «Affrontiamo la Samp con più serenità»

pellissier
© foto www.imagephotoagency.it

Il capitano del Chievo Pellissier: «Questa squadra non molla mai. Contro la Samp più tranquillità per fare ancora più punti»

Archiviata la sconfitta contro la Lazio, da domani la Sampdoria ricomincerà a marciare a testa alta verso la prossima sfida contro il Chievo Verona. I gialloblu sono reduci da un importante successo esterno contro il Palermo, match in cui la rete decisiva è stata segnata dal capitano Sergio Pellissier. Non una rete come le altre, ma la centesima in Serie A: «Per fortuna è arrivata, la stavamo aspettando da un po’ di tempo. Io credo molto nel karma, nel destino, doveva andare così. E’ arrivata nel momento giusto, in una partita importante e ha portato punti pesanti. Vedere tutto il “Barbera” applaudirmi mi ha regalato un piacere immenso – ha dichiarato ai microfoni di Casa Chievo – non smetterò mai di ringraziarli».

RISCATTO – Negli ultimi tempi, però, la fatica per imporsi è stata tanta: «Per uno orgoglioso come me, dimostrare che non sei finito è la cosa primaria: ho sempre lavorato duro per dimostrare che sto ancora bene, e competo anche con tanti giovani di adesso. Non è una rivincita – chiarisce – ma è la dimostrazione che non bisogna dare per spacciato nessuno fino alla fine. Mi fa piacere essere uscito dalle difficoltà».

L’ETA’ NON CONTA – Al contrario della Samp, che può vantare tanti giovani in rosa, il Chievo ha un’età media abbastanza alta, ma Pellissier non ne fa affatto un problema: «Se uno sa fare il proprio mestiere, se ha voglia e passione, non conta l’età. Il Chievo può essere d’esempio a tante altre società e mi auguro che questi” vecchietti” riescano a continuare così per tanto altro tempo».

SUDARE LA MAGLIA – Tra le due squadre che si affronteranno domenica, in comune vi è sicuramente l’impegno messo in campo e la sensazione di aver sempre dato il massimo: «Il tifoso del Chievo è contento perché sa che ha una squadra che lotta dall’inizio alla fine, ed è questo che i tifosi vogliono. Loro possono solo esultare o tifare, quindi quando tu dai tutto e fatichi per portare punti e gioia, sono contenti. Hanno capito che questa squadra non molla mai. A Crotone abbiamo sbagliato  completamente l’approccio alla partita e abbiamo chiesto scusa, ma non ci siamo abituati».

SERENITA’ – Conquistata la decima posizione, la squadra di Maran può arrivare alla sosta natalizia senza troppe preoccupazioni in ottica salvezza: «Il campionato è ancora lungo, ma abbiamo vinto una partita fondamentale e adesso possiamo affrontare le gare che vengono con un po’ più di tranquillità per fare ancora più punti. Non pensiamo certo alla Coppa Uefa o alla Champions – conclude Pellissier – ma solamente a divertirci e a fare più punti possibile da qua a fine stagione».