Pesto patrimonio dell’Unesco: blucerchiati testimonial di #OrgoglioPesto

© foto Orgoglio Pesto

#OrgoglioPesto è l’hashtag di riferimento per far diventare il condimento preferito dai liguri Patrimonio dell’Unesco. Anche i giocatori blucerchiati si schierano

Per un’intera settimana Genova e la Liguria si coloreranno di verde basilico con l’obiettivo di raccogliere le firme per sostenere la richiesta di inserire la tradizione del Pesto fatto a mortaio nel Patrimonio dell’Unesco. I Pestimonial sono tanti: dal cantante Morandi ai giocatori di Genoa e Sampdoria. Il presidente della Regione Liguria Toti ha presentato il progetto di raccolta firme assieme al sindaco di Genova Bucci: la settimana dal 12 al 18 marzo vedrà tante iniziative tra cui il Campionato Mondiale del Pesto al Mortaio che si terrà a Palazzo Ducale sabato 17. Sono tanti i giocatori blucerchiati che, arrivati alla Sampdoria, di recente o nel passato, hanno apprezzato il Pesto: Linetty, Torreira, Zapata, il direttore sportivo Osti e il veterano Palombo raccontano il loro rapporto con questo alimento.

Torreira dimostra di avere parecchia praticità con il mortaio a differenza di Linetty, ma entrambi ammettono di essere rimasti stregati: «Mi piace tantissimo, la prima volta che l’ho assaggiato mi è piaciuto e quando vado a ristorante lo mangio spesso». Anche Zapata rivela che il pesto è uno dei piatti preferiti dai figli, sebbene sul tipo di pasta ci sono divergenze: «Mi piace molto, a casa mia lo mangiamo tantissimo fin dal momento che siamo arrivati a Genova. Io lo mangio con le trofie, perché non mi piacciono gli gnocchi che invece i miei figli adorano». Osti ha un rapporto di vecchia data con il pesto al pari di Palombo che però ammette non sapere come prepararlo: «È un condimento che apprezzo molto, lo conoscevo da prima di venire a lavorare in Liguria frequentando Lerici. Già lo conoscevo come altre specialità liguri, ovviamente da quando sono a Genova so apprezzare anche le differenze».

1. #OrgoglioPesto: i pestimonial blucerchiati

2. #OrgoglioPesto: i pestimonial blucerchiati

3. #OrgoglioPesto: i pestimonial blucerchiati

Orgoglio Pesto

4. #OrgoglioPesto: i pestimonial blucerchiati

Articolo precedente
Colley SampdoriaSampdoria U17, nuova sfida: tutto pronto per il trofeo “Viola”
Prossimo articolo
Sampdoria, attenta: lo “Scida” può essere una trappola