Polonia, si torna a casa: Linetty e Kownacki bocciati, si salva solo Bereszynski

berezsynski
© foto Twitter / poland.pl

La Polonia salva l’onore prima di tornare a casa e vince 1-0 contro il Giappone: bocciato Kownacki, Linetty “dimenticato” da Nawalka. Si salva solo Bereszynski tra i giocatori della Sampdoria

L’unico obiettivo per la Polonia, questo pomeriggio chiamata a scendere in campo per affrontare il Giappone, era salvare la faccia. E ci è riuscita solo grazie al gol di Bednarek al quarto d’ora della ripresa, che ha evitato una figuraccia colossale dopo le due sconfitte contro Senegal e Colombia: un 1-0 che, nonostante non abbia potuto evitare l’eliminazione precoce dai Mondiali, ha consentito al ct Adam Nawalka di contenere le polemiche già piuttosto accese in patria nei suoi confronti.

Il selezionatore biancorosso, per affrontare gli avversari odierni ha optato per la difesa a tre, schierando Bartosz Bereszynski – unico giocatore della Sampdoria in campo – come centrale di destra, ruolo decisamente inusuale per lui. Il classe ’93 pare essere l’unico blucerchiato a essersi salvato in questa ingloriosa spedizione in Russia: preso il posto di Lucasz Piszcek nell’undici titolare della scorsa gara e riconfermato anche oggi dal primo minuto, Bereszynski ha eseguita in maniera ordinata il suo compito e non ha tradito le aspettative. Solo una parata decisiva di Kawashima gli ha impedito di firmare l’assist vincente per il colpo di testa del connazionale Grosicki, a un passo dal gol dopo mezz’ora di gioco.

Bocciato, invece, Dawid Kownacki. Il giovane attaccante ha vissuto la sua prima esperienza con la maglia della Nazionale maggiore, e non può esserne certo soddisfatto: la manciata di minuti concessagli da Nawalka nella prima gara contro il Senegal avevano convinto il ct a dargli fiducia dal primo minuto per scardinare la difesa della Colombia, ma la sua prestazione è stata deludente e oggi il classe ’97 è stato escluso dai giochi. È andata ancora peggio per Karol Linetty, che in questi Mondiali è stato completamente “dimenticato” dallo staff tecnico della Polonia, non riuscendo a racimolare neanche un minuto sul terreno di gioco.

Adesso – e decisamente prima del previsto – è tempo di fare ritorno a casa: i tre giocatori della Sampdoria, date le circostanze, si dovrebbero aggregare alla squadra direttamente dal primo giorni di ritiro a Ponte di Legno, ovvero il 9 luglio. Difficile, invece, la loro presenza già al raduno del 5 luglio, quando Marco Giampaolo ritroverà i suoi uomini a Bogliasco per cominciare a preparare la prossima stagione.

Articolo precedente
C’è solo un Sabatini a Genova: Carlo rischia l’esonero
Prossimo articolo
la gumina palermoLa Gumina, affondo Sampdoria: cifre e dettagli