Montenegro battuto, la Polonia va ai Mondiali: Bereszynski versatile

polonia bereszynski
© foto www.imagephotoagency.it

Secondo tempo di sofferenza, ma la Polonia riesce a battere il Montenegro e va ai Mondiali: Bereszynski comincia a sinistra e finisce a destra

Pomeriggio di grande gioia per la Polonia che, battendo 4-2 il Montenegro, si aggiudica un posto alle fasi finali dei prossimi Mondiali in Russia. Se Karol Linetty ha potuto solamente assistere dalla tribuna al match, a causa di un lieve infortunio, Bartosz Bereszynski è stato schierato nuovamente dal primo minuto ed è rimasto in campo fino al triplice fischio: per lui, un’altra buona prova sulla fascia sinistra, anche se dopo l’infortunio di Lukasz Piszczek a inizio ripresa, il terzino della Sampdoria è tornato ad occuparsi della corsia destra. Eccezion fatta per un paio di occasioni, in cui si è fatto sorprendere sul tempo dagli avversari, l’ex Legia Varsavia è preciso nelle chiusure e attento a difendere la propria porta, sebbene non partecipi quasi mai alla fase offensiva polacca.

Il primo tempo si chiude in tranquillità per la formazione del ct Nawalka, in vantaggio per 2-0 sul Montenegro grazie alla reti di Maczynski (6′) e Grosicki (16′): su quest’ultima, lo stesso Bereszynski è ben posizionato e avrebbe l’opportunità di mettere la propria firma, ma il compagno lo anticipa e trasforma in gol l’assist di Lewandoski. La seconda frazione di gioco, invece, vede la Polonia spegnersi e lasciare campo agli avversari che, dopo essere apparsi innocui, mettono paura pareggiando in pochi minuti: appena entrato, Mugosa trova subito una spettacolare rovesciata (77′), che spiana la strada al raddoppio targato Tomasevic (83′). Sul suo tiro dalla distanza, i difensori della Polonia – compreso Bereszynski – avrebbero potuto certamente fare di più, ma hanno preferito spostarsi per evitare tocchi in area che avrebbero potuto deviare pericolosamente il pallone o causare calci di rigore. A risolvere la partita, come al solito, ci pensa Lewandoski, che all’83’ sfrutta un retropassaggio sbagliato e supera il portiere avversario ristabilendo il vantaggio. A 3′ dal fischio finale, la sfortunata autorete di Stojkovic soffoca ogni speranza dei montenegrini di poter pareggiare nuovamente. Con ben 5 punti di distacco dalla Danimarca seconda classificata, la Polonia chiude in vetta al Gruppo E queste qualificazioni e vola in Russia, sempre più convinta dei propri mezzi.