Pozzi, non sei l’unico: quanti ex colleghi con te in Serie D

© foto www.imagephotoagency.it

Nicola Pozzi riparte dalla Serie D con il San Donato Tavarnelle: come lui, sono molti i giocatori che sono passati dalla A ai Dilettanti

La scelta di Nicola Pozzi, quella di ricominciare dalla Serie D e dal San Donato Tavarnelle, è una scelta che dipinge pienamente e perfettamente quello che per l’ex blucerchiato significa rapportarsi ad un pallone: il divertimento. A 31 anni e con qualche acciacco fisico di troppo, l’attaccante ha deciso di non farsi condizionare dalla categoria, ma di continuare a giocare a pallone per il semplice gusto di farlo, anche se questo vuol dire passare fra i Dilettanti. D’altronde, non è neppure il solo ad aver compiuto una scelta di questo tipo: sono diversi, gli ex giocatori di Serie A che, più avanti con gli anni, si sono rimessi in discussione partendo dalle categorie inferiori. Pozzi dunque, è certamente in buona compagnia, e un viso noto, ogni tanto, potrebbe anche capitargli di vederlo, fra le fila degli avversari.

Almiron – 37 anni -, ex Bari, Catania e Juventus, ha per esempio firmato con l’Acireale, per restare in quella terra che, anche ad alti livelli, gli ha regalato probabilmente la parte più gloriosa della sua carriera. Chi ancora gioca, nonostante l’età è il poi il portiere Marco Fortin – 43 anni -, che ha scelto di difendere i pali della sua cittadina d’origine, Calvi Noale. Hanno scelto la via dei Dilettanti in anticipo rispetto a tanti altri due difensori come Matteo Contini, fino a poco tempo fa protagonista in Serie B, e Gyorgy Garics. Entrambi trentatreenni, l’ex Siena e l’ex Bologna giocano ora rispettivamente per la Pergolettese e per l’Imolese. Chiudiamo infine con due ex blucechiati: il primo è Christian Terlizzi, che a 37 anni gioca nel piccolo club siculo del Paceco. Il secondo è invece Ruben Oliveira, più di 100 presenze in Serie A e fino a due campionati fa leader del Latina in cadetteria. Oggi, dopo una breve parentesi in Equador, è tornato a vestire la maglia nerazzurra. Insomma, la compagnia per Pozzi, anche in un campionato nuovo per lui, non mancherà di certo.

Articolo precedente
Scartato a Genova, rinato a Bergamo: Petagna, un’occasione persa?
Prossimo articolo
moviola udinese-sampdoriaSampdoria-Atalanta, le designazioni: arbitra Mariani