Pradè: «Roma? Match particolare per me, ma do tutto per la Samp»

pradè
© foto www.imagephotoagency.it

La seconda parte dell’intervista a Daniele Pradè: «Contro la Roma ci interessa la prestazione, match particolare per me. Do tutto me stesso per la Sampdoria»

La Sampdoria domenica pomeriggio proverà a prendersi la rivincita delle due sconfitte subite in questa stagione contro la Roma, e questa volta potrà contare sul calore dei propri tifosi. Daniele Pradè, Responsabile dell’Area Tecnica blucerchiata, vivrà la sfida in maniera speciale: «Quella con la Roma non è mai una partita normale per me – ammette ai microfoni di PremiumSport – la Roma rappresenta i miei ricordi di bambino, ho iniziato lì il mio percorso da dirigente, ho vissuto gioie e dolori, ma poi ho fatto una scelta: sono un professionista, questo è il mio lavoro e sono pronto a dare tutto me stesso per la Samp. Anche i ragazzi sono pronti, è una partita che si prepara da sola e vogliamo vincerla». Se la Sampdoria gioca un bel calcio ma raccoglie poco, La Lupa ha trovato il giusto compromesso fra qualità e sostanza: «La Roma sta prendendo le sembianze del suo allenatore. Spalletti – spiega il dirigente blucerchiato – ha sempre giocato un calcio bellissimo e adesso è diventato molto più pratico, affamato di vittoria. I giallorossi hanno fame e sembrano meno interessati alla parte estetica, hanno una quadratura difensiva importante e sono molto difficili da affrontare. Contro di loro ci interessa la prestazione – conclude Pradè – sono sicuro che la gara sia stata preparata da Giampaolo nella maniera migliore, perciò guardiamo avanti con fiducia e ottimismo».