Primavera, Sampdoria-Sassuolo 1-1: sintesi e tabellino

Primavera Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

La formazione di Augusto reagisce allo svantaggio e conquista un punto meritato: la prodezza di Cabral perdona l’errore di Mikulic

La Primavera della Sampdoria mostra l’orgoglio e conquista il secondo punto stagionale, fermando sull’1-1 un Sassuolo che viaggia ad alta quota in classifica. I blucerchiati dimostrano di non voler essere la squadra cuscinetto del campionato e disputano un ottimo primo tempo fatto di aggressività e attenzione. Al 7′ il “R. Garrone” si infiamma per la conclusione dalla distanza di Tessiore, uscita di un soffio a lato. Al 10′ ci prova Vujcic, ma Marson blocca a terra così come al 25′, quando Curito si libera con una doppia finta e tenta di sorprendere lo stesso portiere con un rasoterra mancino. Al termine dei quarantacinque minuti iniziali, però, a mancare è il gol.

Le troppe occasioni sbagliate pesano sulle spalle dei ragazzi di Augusto, che vivono un rientro dagli spogliatoi a dir poco traumatico. Al 4′ della ripresa, infatti, il Sassuolo sblocca le marcature con il destro preciso di Kolaj, abile a sfruttare prima l’ingenuità in palleggio di Mikulic e poi l’intervento leggero di Pastor. L’episodio scaturisce un susseguirsi di azioni confusionarie e nervose, che esortano l’arbitro a estrarre più volte il cartellino giallo dal taschino. Nel momento in cui la partita sembra essere al capolinea, è l’invenzione di Cabral a far gioire l’ambiente doriano: il portoghese, all’esordio con la maglia della Primavera, calcia di prima intenzione alle spalle di Marson, senza vanificare l’errato disimpegno della retroguardia neroverde a cinque minuti dal triplice fischio.

Sotto gli occhi attenti di Osti, Romei e Ferrero, il tecnico Augusto si è detto soddisfatto: «In campo abbiamo visto una squadra che ha fatto la partita, l’altra che ha cercato di non farci giocare. Sono contento della reazione di spirito e cuore del gruppo, quando questa Sampdoria inizierà a vincere non si fermerà più». Considerando le assenze per infortunio di Baldé, Tomic e Bubacar – rispettivamente per una lesione al ginocchio e un’operazione al crociato, e per gli impegni con la Slovenia all’Europeo Under 19 di Prelec, l’avvocato Romei elogia il lavoro svolto dalla società e pensa al Crotone«Stiamo investendo molto nel settore giovanile, è una delle priorità del presidente Ferrero. L’Academy è il nostro fiore all’occhiello, uno dei simboli di prestigio della società. Oggi abbiamo un duplice impegno, un’altra partita molto tosta ma dobbiamo essere abituati alla tensione».

Sampdoria-Sassuolo 1-1: il tabellino

MARCATORI: s.t. 4’ Kolaj, 40′ Cabral.

SAMPDORIA (3-4-1-2): Krapikas; Veips, Pastor, Mikulic (dal 26’ s.t. Oliana); Doda (dall’11’ s.t Cabral), Tessiore, Gabbani, Gomes Ricciulli; Ejjaki (dal 31’ s.t. Scotti); Curito, Vujcic. A disposizione: Raspa, Fido, Romei, Perrone, Canovi, Cappelletti, Giordano. Allenatore: Augusto.

SASSUOLO (4-2-3-1): Marson; Joseph, Denti, Piacentini, Celia; Ahmetaj, Viero; Kolaj (dal 41′ s.t. Piscicelli), Diaw (dal 26’ s.t. Marchetti), Rizzi; Aurelio. A disposizione: Vlas, Ferraresi, Cataldo, Palma, Raspadori, Esposito, Maffezzoli. Allenatore: Tufano.

ARBITRO: Cipriani di Empoli. Assistenti: Affatato di Vco e Rossi di Novara.

NOTE: ammoniti al 6’ s.t. Pastor, all’8’ Denti, al 10’ Kolaj, al 30’ Viero, al 34′ Celia e al 37′ Aurelio; recupero 0’ pt e 3′ s.t.