Quagliarella: «Per la Sampdoria avrei firmato in bianco»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Quagliarella: «Per la Sampdoria avrei firmato in bianco»

Pubblicato

su

Fabio Quagliarella, ex capitano della Sampdoria, non ha rimpianti per la fine della sua carriera da calciatore: le parole

Fabio Quagliarella, ex capitano della Sampdoria, non ha rimpianti per la fine della sua carriera da calciatore: le parole a La Gazzetta dello Sport.

ADDIO«Il Signore ha voluto che finisse così, mi sono ritrovato libero e da quel momento a livello mentale ho chiuso con il calcio giocato. Certo, mi mancano lo spogliatoio, l’adrenalina della partita alla domenica, i compagni, ma credo che sarà così per tutta la vita».

ORGOGLIO«Mi sono allenato sempre sino all’ultimo giorno, non sono mai stato gestito, e questa è la cosa di cui vado più orgoglioso, potete chiederlo a qualunque allenatore, anche l’anno scorso facevo gli stessi allenamenti di un compagno di 20 anni».

RITIRO«Lo scriva a caratteri cubitali. Non ho smesso per motivi fisici, non è arrivata nessuno offerta interessante e allora ho detto stop. Fino a un paio di mesi dalla fine del campionato avevo deciso di smettere, poi vista la situazione societaria della Samp e vedendo che stavo bene, ho pensato di poter dare una mano a risalire. Avrei potuto anche firmare in bianco, i soldi non mi interessavano, mai avrei preso in considerazione altre soluzioni, era come un obbligo morale verso un club che aveva sempre creduto in me e dove sono stato benissimo. Ho avuto due-tre richieste da squadre di A , ma non le ho prese in considerazione. Allo stesso tempo mai avrei pensato di arrivare a giocare sino a 40 anni in A e, sono sincero, di questo ero davvero orgoglioso. Altrove avrei fatto il terzo o il quarto attaccante. Ma allora meglio dare una mano alla Samp».

SCELTA SAMPDORIA«Passata una settimana dopo l’insediamento della nuova proprietà, qualcosa avevo intuito. Poi con una telefonata alle dieci di sera a cinque giorni dal raduno mi dicevano che avrebbero puntato sui giovani. Sia chiaro: nessun rancore verso la società, ma questa è la realtà dei fatti. Ho chiuso quel giorno, e da lì nei giorni scorsi in un intervento televisivo su Sky era poi nata la mia battuta che non ero più nelle condizioni di continuare. Nella realtà ho smesso perché così avevo deciso».

INIZIO DIFFICILE«Con un’impostazione di squadra così giovane si poteva immaginare qualche difficoltà iniziale. Pensavo che sarebbe stata mantenuta un’ossatura di tre quattro giocatori che tenevano davvero alla Samp, e posso confermare che sarebbero rimasti in tanti. Poi, si sa, ti aspettano tutti al varco perché sei la Sampdoria quando una squadra viene a giocare al Ferraris. Mi sarei sorpreso semmai del contrario. Si vede, comunque, che Pirlo ha delle idee, ho parlato con alcuni miei ex compagni e me lo hanno confermato, anche se poi servono gli interpreti giusti per tradurle in pratica».

ITALIA«Devi mettere in conto che stai in ritiro una settimana e dopo 4-5 giorni giochi: in azzurro c’è una pressione diversa, nel tuo club ti arrivano 5-6 palle gol, una la butti dentro, e sei un bomber. Nell’Italia no: si aspetta solo di vedere se c’è l’uomo giusto atteso da tutti e comunque non è semplice avere la stessa continuità che hai nel tuo club. Spalletti sta facendo girare un po’ tutti, credo che alla fine troverà una soluzione. Ci sono anche meno campioni rispetto ai tempi di Toni, Gilardino, Cassano, Di Natale, Totti Del Piero. Non solo: bisogna essere imprevedibili, devi inventarti qualcosa, come fanno Raspadori, Politano, Chiesa, Berardi».

MAZZARRI«Innanzitutto la scelta mi ha sorpreso, ma secondo me De Laurentiis aveva bisogno di un allenatore che conoscesse l’ambiente e che aveva fatto benissimo a Napoli. Era fuori dal giro da un paio d’anni, ma sa come si deve muovere e cosa serve fare. Ovvio, il calcio si è evoluto, ho letto che lui dovrebbe riproporre il 4-3-3, siamo tutti curiosi, ma non ha un compito semplice».

JUVENTUS«Ha questo vantaggio, detto fra virgolette, di non giocare le coppe e non è cosa secondaria. E poi ha trovato solidità difensiva, credo sia fondamentale. Sicuramente la gara con l’Inter di domenica farà capire tante cose anche se i nerazzurri sono uno squadrone. Se la Juve ritrova anche il miglior Vlahovic se la gioca fino alla fine. Anche o stesso Napoli e il Milan, però, se si ritrovano…».

MILAN – «Il Milan fa certe partite e quando lo vedi giocare dici: “Cavolo che spettacolo”, come in Champions con il Psg. Forse rispetto al passato ha una panchina meno importante, da fuori ho questa sensazione. Prima avevi Ibra, anche se magari non giocava. E poi qualcuno dei titolari non sta andando bene, è palese. Ma non diciamo a novembre che è tagliato fuori…».

ULTIMA PARTITA«Le dico questo. Quando sono usciti i calendari, ho visto l’ultima gara al Maradona. “Madonna mia”, ho pensato. Un segno del destino, pensavo. ma arrivarci proprio quel giorno con il Napoli campione d’Italia dopo 33 anni, e ripensando all’accoglienza che mi hanno fatto… è stato qualcosa che mi ha spiazzato, con quella targa ricevuta sotto la curva… Dopo, a mente fredda, ho pensato che se avessi scritto io la sceneggiatura di quel giorno non sarebbe stata così perfetta. L’unica pecca, e non è stata una cosa da poco, è che quel giorno la mia Samp ha salutato la Serie A. Un giorno però così speciale che è finito in un… quadro».

ULTIMI CIMELI«A casa mia ho incorniciato l’ultima maglia, le ultime scarpette, l’ultima fascia di capitano, il Gagliardetto, i parastinchi usati quel giorno».

STIMA UNIVERSALE«Vero. Per me è il complimento più bello. Quando ti togli la maglia resta l’uomo e quello che tu hai seminato. Io ho fatto la gavetta dalla Serie C alla A sino alla Nazionale e questo mi rende orgoglioso. Ovunque io sia andato ho ricevuto attestati di stima. Mi hanno applaudito anche laddove non ho giocato, cme a San Siro, a Cagliari, a Parma. Sono cresciuto avendo come esempi di vita gente seria come Maldini, Costacurta, Del Piero, Cannavaro, tutte persone perbene. Sono stato capocannoniere a 36 anni, ma a 40 cercavo ancora di migliorarmi. È finita così, ma l’ho detto, non ho rimpianti».

Copyright 2023 © riproduzione riservata Samp News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 44 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a U.C. Sampdoria S.p.A. Il marchio Sampdoria è di esclusiva proprietà di U.C. Sampdoria S.p.A.