Quantità e qualità per Giampaolo: Samp, questo è Jankto

jankto udinese
© foto www.imagephotoagency.it

Jankto è un nuovo giocatore della Sampdoria: ecco le migliori caratteristiche del centrocampista ceco

La Sampdoria regala a Marco Giampaolo un rinforzo di prim’ordine per il centrocampo della prossima stagione. Passati i test medici di rito in mattinata, Jakub Jankto è diventato ufficialmente un nuovo giocatore blucerchiato: un affare chiuso in pochi giorni dalla società ligure, che ha sborsato 15 milioni di euro all’Udinese dell’ex Daniele Pradè. Messo da parte ogni dubbio su un suo approdo a Genova, concentriamoci ora sulle caratteristiche del talento ceco per capire quale potrebbe essere il suo apporto, in termini di qualità, alla rosa blucerchiata.

Jankto nasce mezzala sinistra, ha spesso giocato in un centrocampo a tre o come interno di un centrocampo a cinque, spostandosi a volte al centro, più per necessità che per vocazione. All’Udinese il centrocampista si è consacrato, facendosi conoscere da tutta la Serie A per alcune peculiari caratteristiche: potenza fisica, agonismo, buona capacità di inserimento. Da quest’ultimo punto di vista, Jankto è migliorato moltissimo in Italia: i 4 gol segnati in questa stagione non rendono pienamente l’idea della sua costante presenza nelle aree avversarie, mentre i 6 assist messi a segno in stagione fotografano forse meglio il ruolo chiave che il classe ’96 ha avuto nel centrocampo della formazione friulana.

Non ci sono dubbi che Jankto riuscirà a inserirsi perfettamente nello schema tattico di Giampaolo: specialmente se Praet dovesse essere arretrato a regista, come il tecnico doriano sta pensando, l’ex Udinese ne prenderebbe il posto, sulla sinistra. 15 milioni sono certamente tanti per una società come la Samp, ma Jankto è uno di quei giocatori per cui vale sempre la pena fare uno sforzo economico, specialmente in vista di una possibile plusvalenza futura: a soli 22 anni, i margini di crescita sono ancora ampi, e con le cifre del calciomercato attuale non sarebbe affatto utopico pensare di poter rivendere il suo cartellino, fra un paio di anni, anche al doppio del prezzo a cui è stato pagato.

Articolo precedente
jankto sampdoriaJankto alla Sampdoria: «Vesto la maglia più bella del mondo». È ufficiale
Prossimo articolo
Osti SampdoriaIncontro tra Samp e Albissola: tre nomi in ballo