Ramirez chiama Pioli: sarà il jolly in attacco?

ramirez sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Ramirez potrebbe riabbracciare Pioli. Il tecnico lo allenò al Bologna e cercò di prenderlo anche alla Lazio per due anni consecutivi

«Ha una tecnica pazzesca, salta l’uomo con facilità e sa dare l’assist vincente. Sa strappare come pochi, è in grado di fare 30 metri palla al piede e concludere in porta», con queste parole Stefano Pioli descrisse Gaston Ramirez, nel biennio passato insieme a Bologna dal 2010 al 2012. L’ex tecnico della Fiorentina ha diversi meriti nella maturazione calcistica dell’uruguaiano che, da giovane promessa del Penarol, è diventato un ottimo trequartista e una prolifica seconda punta. E ora, con Pioli in pole per la panchina della Sampdoria, i due si possono ritrovare come già avevano provato a fare al termine dell’avventura al Bologna.

Ramirez, alla fine del campionato 2012/12, si trasferì infatti al Southampton. Pioli restò sulla panchina del Bologna per diciotto partite, passando successivamente alla Lazio nella stagione 2014/15. Il primo acquisto che chiese a Igli Tare, direttore sportivo della squadra biancazzurra, fu proprio Ramirez. Diversi furono i contatti tra i due e le società, ma l’accordo non venne trovato. Un ulteriore tentativo venne fatto nella successiva sessione di mercato, ma il muro alzato dagli inglesi non permise alla Lazio di accaparrarsi l’uruguaiano. Ora che Pioli sembra vicino a sedersi sulla panchina della Sampdoria, Ramirez può sognare di tornare a ricoprire un ruolo più offensivo diventando un’arma importante nell’arco blucerchiato.