Ramirez fa autocritica: «Abbiamo delle responsabilità. Futuro? Resto qui»

ramirez diretta
© foto Valentina Martini

Ramirez tra passato e futuro: «So di poter far meglio rispetto alla scorsa stagione. Mercato? Non si sa mai, ma io alla Samp sto bene»

La scorsa stagione, per Gaston Ramirez, è stata un insieme di alti e bassi: un inizio sfavillante con assist a profusione, giocate di fino e grande sicurezza. Poi, un momento di calo che ha portato Giampaolo a preferirgli Caprari per diverse partite, ed infine un finale di campionato poco convincente che lo ha portato a perdere il posto fra i convocati dell’Uruguay per il Mondiale. Il trequartista analizza così la sua stagione: «Avevo saltato il ritiro. E un po’ questo ha avuto un peso. Però la ritengo positiva, ho giocato 40 partite, mi sono trovato benissimo e penso che posso fare meglio. Anzi, ne sono convinto. Mi accusano di discontinuità? Io sono il primo ad aspettarsi molto da me. Tutti i giorni. Voglio migliorare, mi alleno tanto per essere sempre al 100%». In generale, andrà migliorato l’approccio della squadra a diverse situazioni, in primis per quanto riguarda il finale di campionato: «Nella scorsa stagione abbiamo avuto un inizio fantastico, poi purtroppo abbiamo finito come non dovevamo e come non volevamo. Meritavamo molto di più. Abbiamo delle responsabilità. Certamente dovremo modificare qualcosa nel nostro atteggiamento, essere più cattivi, sentire il furore di voler vincere a tutti i costi, saper soffrire, essere più convinti». L’intenzione dell’uruguaiano sembra dunque quella di restare a Genova per dimostrare, insieme ai propri compagni, di poter dare di più alla causa blucerchiata: «Anche se – afferma il classe ’90 al Secolo XIX – ripensando a quello che è successo a Zapata… in due giorni è partito. Nel calcio non si sa mai. Ma io sono tranquillo, con la testa giusta, contento, perché ti fanno sentire così in questa squadra, è come una famiglia. Mi sento importante, so di avere la fiducia di compagni, allenatore, società. Il campionato italiano poi forse è il più adatto per le mie caratteristiche, mi sento molto bene nella Samp, non vorrei cambiare».