Connettiti con noi

Hanno Detto

Rocchi: «VAR? Errori ridotti dell’86%, alcuni ancora evitabili»

Pubblicato

su

Rocchi: «Col Var errori in A ridotti dell’86%. Ma c’è chi ha fatto di tutto per crearci problemi». Le parole del designatore

Il designatore arbitrale, Gianluca Rocchi, ha fatto il punto sul VAR e sugli episodi controversi della Serie A 2021/22. Le sue parole.

VAR – «L’utilizzo del Var ha ridotto gli errori in Serie A dell’86%. È stata una notizia bellissima ma anche molto complessa e pertanto testante per tutti gli arbitri, in particolare per i più giovani, in una fase di ricambio generazione quale stiamo vivendo. Fa male, perché alcuni errori potevano essere evitabili. Ci sono stati momenti difficili, c’è chi ha fatto di tutto per crearci problemi ma una buona fetta del mondo del calcio ci ha dato una mano».

TORINO-INTER – «Non è detto che un grande arbitro sia un grande VAR, dobbiamo andare verso la specializzazione. Tornando su Torino-Inter, io per un rigore ho perso nella fase finale della stagione Massa e Guida, due top. È un errore mio, però in quel momento avevo messo due arbitri top in una partita con due ruoli diversi. Se avessi avuto un arbitro top in campo e uno meno al monitor avrei perso soltanto un top».

FIORENTINA-ROMA – «Il rigore di Fiorentina-Roma è un errore. Guida sotto pressione lo ha concesso, ma l’errore è stato del Var. Ma lo stesso Var (Banti ndr) ha fatto una cosa egregia pochi giorni prima togliendo un rigore all’Inter contro l’Empoli. Ma avete idea di quante partite fa un var pro? Irrati arriva a 90 prestazioni tra campo e monitor, se sbaglia, bisogna dirgli grazie perché è umano. Se su 70 partite, un professionista ne sbaglia una, consigliatemelo perché me lo prendo».