Samp, attenta alla Brexit: può portarti via Vieira

vieira sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

La Brexit potrebbe costringere le società inglesi a riportare in patria i loro gioielli: una situazione che potrebbe coinvolgere la Samp e Vieira

È possibile che i rivolgimenti politici che stanno interessando il Regno Unito – Brexit in primo luogo – possano ripercuotersi sui destini di una squadra di Serie A come la Sampdoria? Secondo il celebre tabloid britannico Sun, sì. O meglio, la Sampdoria sarebbe toccata in modo indiretto perché il soggetto principale del problema che potrebbe crearsi è in questo caso l’inglese Ronaldo Vieira, trasferitosi in estate a Genova. Cerchiamo di spiegare il motivo dell’allarme lanciato dai media inglesi. Il problema principale, come si diceva, è rappresentato dall’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, in particolare da una Brexit no deal, cioè senza accordi fra le due parti sui tempi e sui modi dell’uscita stessa dall’UE.

Una Brexit no deal, in questo caso, trasformerebbe tutti i lavoratori inglesi all’estero – stimati in circa 800.000 unità, calciatori inclusi – in extracomunitari, costringendo molti di loro a tornare in patria per via dei regolamenti sul numero massimo di extracomunitari. Una situazione, questa, che riguarda grandi nomi come Gareth Bale e Jadon Sancho, rispettivamente al Real Madrid e al Borussia Dortmund, ma anche una lunga serie di giocatori inglesi che sono tesserati per squadre non inglesi. Tra questi è presente anche Ronaldo Vieira, citato dal Sun come un profilo da tenere d’occhio in vista del futuro e che potrebbe far comodo a molte squadre inglesi, le quali, se la Brexit dovesse prendere corpo in questa forma rigida, dovrebbero forzatamente puntare soprattutto sul mercato interno piuttosto che sull’acquisto di giocatori di altre nazionalità. Insomma, non ci sarebbe da stupirsi se una squadra di Premier League facesse follie per il classe ’98 questa estate.


VUOI RESTARE AGGIORNATO SULLA SAMPDORIA? SCARICA LA NOSTRA APP!

Articolo precedente
depaoli chievoSala può partire: c’è Depaoli per sostituirlo
Prossimo articolo
GabbiadiniGabbiadini sfida Muriel: il destino li rimette di fronte