Samp, senti Colley: «Ecco i miei due obiettivi». E sul futuro…

colley Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il difensore della Sampdoria si racconta: dalla vita a Genova al feeling con Murillo e Di Francesco. E sul futuro: «Presto per parlarne»

Il destino della Sampdoria passa anche da Omar Colley. Dopo una sola stagione di ambientamento, il possente difensore gambiano è già diventato uno dei leader della rosa blucerchiata: «Adesso conosco l’Italia, l’anno scorso no. All’inizio è tutto più difficile perché dovevo imparare tutto, dalla lingua alla tattica. Ma penso di aver fatto il mio dovere. Ora ho una bimba che adoro e sia lei sia mia moglie vivono a Genova con me. Tornare a casa da loro mi riempie di gioia. Qui ci sono il mare, il sole, i piatti di mare. Come non ambientarsi? Al momento penso solo alla Sampdoria, sono qui da un anno ed è presto per parlare del mio futuro. Ogni calciatore deve ambire a fare un passo successivo, ma qui sto benissimo». 

Sono tante le differenze tra Marco Giampaolo ed Eusebio Di Francesco: «Uno ha il focus sulla difesa, l’altro sull’attacco. Sono entrambi bravi. È stato importante avere un allenatore come Giampaolo che mi ha insegnato da vero maestro. È stato fondamentale per crescere. Con Di Francesco c’è più libertà, ti senti più responsabile individualmente con maggiori opzioni di scelta». Il suo rapporto con il gol è complicato, ma può risolversi nel corso di questa stagione: «Sono il primo ad aspettarmeli. L’anno scorso con il Watford avevo segnato, poi stop. Ora ho due obiettivi: difendere al meglio e togliere lo zero dalla voce gol. Spero di battere Murillo, che sale spesso sui corner. Ci siamo già lanciati la sfida. Io e Murillo siamo una bella coppia, abbiamo caratteristiche diverse ma ci troviamo bene. Comunichiamo con l’istinto perché l’italiano ogni tanto ci fa scherzi».

E su Joachim Andersen: «È stato mio compagno in difesa e di stanza, mi sono trovato molto bene con lui e mi ha aiutato tanto quando sono sbarcato in Italia. Al Lione ha fatto uno step importante per la sua carriera – conclude Colley al Secolo XIX – ora gioca la Champions League».