Sampdoria, hai le armi per battere la Fiorentina: sfrutta le sue bestie nere

Caprari Sampdoria
© foto Valentina Martini

La Sampdoria può e deve giocare alla pari con la Fiorentina, cercando di portare a casa la vittoria: per farlo, potrà sfruttare le bestie nere della Viola

Dopo le vittorie contro Foggia e Benevento e prima della sosta per le Nazionali, per la Sampdoria arriva il primo vero e probante impegno della stagione. La prima trasferta del campionato, infatti, sarà sul campo della Fiorentina, una partita che si preannuncia certamente difficile ma nella quale la truppa di Giampaolo può dire la sua e, perché no, può pensare a portare via i tre punti dal Franchi. Per farlo, Torreira e compagni dovranno dimostrare una maggiore coesione difensiva rispetto alla partita vista contro il Benevento, nella quale per un quarto d’ora gli uomini di Baroni sono stati padroni del campo, ma dovranno soprattutto cercare di sfruttare i punti deboli della Viola, coprendo bene gli spazi per ripartire. Dovranno inoltre sfruttare chi, contro la squadra attualmente guidata da Pioli, ha dimostrato lo scorso anno di avere un piede caldo, e cioè Gianluca Caprari.

Il partner offensivo di Quagliarella, lo scorso campionato, ha timbrato il cartellino contro la squadra gigliata sia all’andata che al ritorno: non sarebbe certo una cattiva idea mantenere gli standard della scorsa stagione anche quest’anno, nel nuovo ruolo disegnato per lui dal tecnico Giampaolo. Ci sarebbe poi un’altra risorsa, in questo senso, da sfruttare, cioè Ricky Alvarez: ben 2 dei 3 gol segnati in campionato con la maglia blucerchiata, infatti, sono arrivati contro la Viola. Difficile capire se il trequartista potrà essere della partita dopo l’esplosione di Ramirez e le parole di Giampaolo, che ha certificato le difficoltà dell’argentino nell’esprimersi appieno a causa delle continue critiche che gli sono piovute addosso. L’allenatore blucerchiato, da esperto conoscitore del calcio e degli uomini che lo praticano, sarà certamente attento alla situazione dell’ex Inter, ma, proprio per il fatto di giocar lontano da Marassi, potrebbe anche concedere una chance al classe ’88, permettendogli di riprendere confidenza col campo e facendolo al tempo stesso sentire utile per la squadra. Se poi Ricky decidesse di dar seguito alla sua positiva tradizione contro la Fiorentina, non c’è dubbio che non ci sarebbe modo miglior per poter tentare la strada della riappacificazione con i tifosi blucerchiati.