Sampdoria, Baldari: «Non si può giocare senza tifosi»

quagliarella Baldari
© foto Valentina Martini

Amedeo Baldari, medico sociale della Sampdoria, ha condiviso una riflessione sul campionato: «Non si può giocare senza tifosi»

Amedeo Baldari, medico sociale della Sampdoria, ha condiviso su Facebook alcune riflessioni sul campionato ai tempi del Coronavirus.

CAMPIONATO – «Questo campionato assurdo è finito. Sotto un sole cocente, con gli spalti vuoti, un’immagine triste del calcio per far capire che il calcio che amavamo forse non tornerà più. Dalla ripresa in poi abbiamo fatto un miracolo sportivo, complimenti a tutto lo staff tecnico ma anche ai fisioterapisti e medici che mi hanno aiutato».

TIFOSI – «Un giorno, forse, racconteremo quei giorni vissuti nella malattia, vissuti nel tentativo di riprenderci fisicamente e psicologicamente, i giorni dei dubbi e della fatica, dei ritorni da trasferte nel cuore della notte e di risvegli dopo poche ore di sonno che ci hanno ricordato le trasferte che si facevano da tifosi. Non si può giocare senza i tifosi, credo l’abbiano capito tutti. Il calcio è una emozione da vivere allo stadio. Tutti insieme».