Fisico, riflessi e quel no al Chelsea: Semper futuro portiere della Sampdoria?

adrian semper
© foto Instagram Adrian Semper

Adrian Semper, il portiere classe ’98 che ha stregato la Sampdoria: fisico, riflessi e l’umiltà di dire no al Chelsea

Alla Sampdoria di Massimo Ferrero, si sa, piace guardare al futuro, tanto più con un tecnico come Marco Giampaolo, abile nel lavorare a contatto con i giovani e nel farli maturare. Il nuovo nome finito nell’orbita blucerchiata è quello di Adrian Semper, portiere classe ’98 di proprietà della Dinamo Zagabria, ma in prestito dalla scorsa stagione alla Lokomotiv: il suo agente ha già annunciato che a giugno non ci sarà un ritorno alla base, bensì un trasferimento verso l’estero per cercare nuove sfide e approdare in un grande campionato europeo. Infatti, nonostante la giovane età, l’estremo difensore croato può vantare già un curriculum di tutto rispetto, con più di 40 presenze in HNL e già 2 in Champions League. Per la sua precoce maturazione e le sue doti fisiche – Semper è alto 194cm – gli interessamenti di diverse società, anche di alto livello, non è mai mancato. L’umiltà e la voglia di non bruciare le tappe, però, hanno sempre prevalso sulla fretta di approdare in un top club e guadagnare.

Oltre al Cagliari e alla Sampdoria in Serie A, il portiere è infatti già stato richiesto dalla Premier League: nel 2016 il Chelsea, arrivato ad offrire 2 milioni di sterline di ingaggio per convincerlo a trasferirsi a Londra, si era visto sbattere la porta in faccia dalla Dinamo e dal ragazzo, che di comune accordo avevano deciso di proseguire il cammino insieme. La stagione 2016/17 inizia alla grande, con un alcune presenze in campionato (6, di cui 4 vittorie) e le gare di Champions League giocate contro Lione e Juventus, seppur disastrose per i croati (rispettivamente sconfitti per 3-0 e 4-0): in questa occasione, anche i bianconeri si interessano a lui e per un periodo pensano di farne il successore di Gigi Buffon, ipotesi poi decaduta. La stagione di Semper prosegue in panchina, e a gennaio arriva il prestito alla Lokomotiv Zagabria, dove il suo talento può esprimersi con continuità: nel nuovo club, la fiducia dal primo minuto non gli viene mai negata, permettendogli di mettere insieme 16 presenze, di cui 7 clean sheets. Dopo l’ottimo quinto posto in classifica conquistato, ecco che la seconda stagione con la nuova maglia sembra ripetersi su alti livelli. Finora, infatti, il croato è riuscito a ottenere quasi sempre la maglia da titolare – 17 volte -, subendo 24 reti e mantenendo la porta inviolata in 6 occasioni. A settembre, date le ottime prestazioni, per Semper è arrivata anche la prima chiamata dalla Croazia U21. Al momento, sia il Red Bull Lipsia che il Watford vorrebbero accaparrarsi il suo cartellino, ma prima di giugno sarà difficile vederlo vestire altre maglie. Che possa diventare lui il sostituto di Emiliano Viviano tra i pali della Sampdoria? Di certo le qualità non mancano, ma sarà difficile resistere ancora una volta alle tentazioni di società più ambiziose.