Connettiti con noi

Hanno Detto

Agente Damsgaard: «Troppe voci su di lui. Tornerà presto»

Pubblicato

su

Mikkel Damsgaard è atteso lunedì a Bogliasco. L’agente tranquillizza tutti sulle sue condizioni fisiche e sul ritorno in campo

Mikkel Damsgaard è atteso lunedì, 28 marzo, a Bogliasco. Il centrocampista della Sampdoria fa finalmente ultimato il suo iter di recupero e sarà a disposizione di Marco Giampaolo. A rassicurare tutti è l’agente, Jens Orgaad. Le parole a Il Secolo XIX.

CONDIZIONI DAMSGAARD «Arriva a Genova con una condizione fisica molto buona. Ormai da pi di un mese, in pratica un ritiro estivo, si sta allenando con continuità. In accordo con la Sampdoria circa tre settimane fa avevamo individuato la data del 28 marzo come quella del suo ritorno, prenotando il biglietto dell’aereo. E l’abbiamo rispettata. Ha recuperato la massa muscolare persa nei mesi di inattività. Per me farà presto a riportarsi a livello giusto. L’ultima parola spetta ovviamente ad allenatore, preparatore e dottore».

MALATTIA«So che anche a causa del silenzio calato intornoa lui si sono diffuse tante voci. Non ci sono misteri. Nessuna infezione al ginocchio o malattia del sangue… Non è stato semplice identificare la natura. Si tratta di una forma di artrite molto aggressiva. Abbiamo passato periodi difficili, il più brutto a gennaio, non si vedevano miglioramenti, sembrava non guarisse mai e non si potevano ipotizzare tempi di rientro. Poi grazie alla collaborazione tra un reumatologo italiano indicato dalla Sampdoria e uno danese, è stata condivisa una nuova terapia che ha dato ottime risposte».

GIAMPAOLO«Mikkel è euforico anche di conoscere il nuovo allenatore Giampaolo. Per i rimi due giorni di test ci sarà il fisioterapista che lo ha seguito a casa, che poi passerà il testimone ai colleghi doriani».

GRAZIE ALLA SAMPDORIA«Ringrazio la Sampdoria per avergli concesso di effettuare lì, in un centro all’avanguardia, il periodo più delicato di recupero. Io e MIkkel ci teniamo poi a ringraziare il segretario generale Ienca, Tomei e Osti, che tra l’altro lo avevano portato alla Sampdoria. Osti gli è stato vicino anche nel periodo in cui era sospeso dall’incarico. Un forte grazie al professor Mazzola, al fisioterapista Doimi e al dottor Baldari»