Sampdoria, ecco Ekdal: titolare a tempo per far crescere Vieira

ekdal
© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria è riuscita ad ingaggiare Albin Ekdal dall’Amburgo: conosciamo meglio il centrocampista svedese

Perso ormai da tempo Pedro Obiang, la Sampdoria nei giorni scorsi si è tempestivamente mossa alla ricerca di un playmaker che potesse fare da titolare per la prossima stagione e che potesse, al contempo, esercitare il ruolo di chioccia nei confronti di quello che, nelle idee della dirigenza blucerchiata, sarà il vero play del futuro, Ronaldo Vieira. La scelta è ricaduta su Albin Ekdal, centrocampista di proprietà dell’Amburgo – appena retrocesso nella Serie B tedesca – che Giampaolo ha già conosciuto ai tempi del Siena. Cerchiamo dunque di scoprire che tipo di giocatore si troverà in casa la Sampdoria e se potrà integrarsi nel gioco del tecnico doriano. Ekdal non può che definirsi un giocatore polivalente: a centrocampo è in grado di giocare nel ruolo di mezz’ala di una linea a tre, di interno di un centrocampo a quattro e, cosa che più interessa la Sampdoria, anche naturalmente come playmaker. Dopo essere stato notato dagli osservatori del Chelsea in giovanissima età, lo svedese si trasferisce alla Juventus nel 2008 per giocare con la Primavera.

Da lì iniziano i vari prestiti in giro per l’Italia: prima il Siena, quindi il Bologna. Poi, l’approdo a Cagliari, dove lo svedese si consacra come uno dei pilastri della formazione rossoblù. Più recente poi il passaggio all’Amburgo – nel 2015. In linea generale si può dire che il classe ’89 non sia un centrocampista con il gol nel sangue: spesso e volentieri Ekdal, soprattutto in Italia, non è andato oltre le due reti a campionato, nonostante salisse spesso a saltare, sfruttando la sua importante struttura fisica, in occasione di angoli e punizioni offensive. Si tratta più che altro di un giocatore dalle spiccate attitudini difensive, tanto che più di una volta in carriera è stato impiegato come difensore centrale. In mezzo al campo, grazie alla propria fisicità, costituisce un frangiflutti importante che dà protezione alla difesa; rivedibili, invece, le qualità di palleggio, che non sono eccelse: Ekdal non è insomma un mediano dai piedi propriamente fatati. Potrà comunque servire alla Sampdoria se riuscirà a calarsi nuovamente nel clima del nostro campionato, svolgendo il suo compito di “titolare a tempo“, aspettando che Vieira si ambienti al meglio nella nostra Serie A.

Articolo precedente
ekdal amburgoEkdal si avvicina: niente rischi, l’allenamento finisce prima
Prossimo articolo
Sampdoria SkyLinea verde Sampdoria: è da record in Serie A