Sampdoria-Fiorentina, Giampaolo: «Divertiamoci e divertiamo»

giampaolo sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Fiorentina, Giampaolo elogia i suoi: «Una prestazione come quelle che ci hanno sempre contraddistinto». Poi parla di Quagliarella e del mercato

La Sampdoria torna a far gioire il pubblico del “Ferraris” e riconquista i tre punti in un importante scontro diretto come quello di oggi pomeriggio contro la Fiorentina. L’eroe di giornata è certamente Fabio Quagliarella, autore della tripletta che ha steso i viola, che hanno reagito solo nei minuti finale con la rete di Carlos Sanchez. Il tecnico blucerchiato Marco Giampaolo, intervenuto ai microfoni di Sky Sport, ha commentato così la vittoria di oggi: «Mi è piaciuta la squadra, ha giocato leggera, tecnica e con qualità. Una prestazione come quelle che ci hanno sempre contraddistinto: bisogna giocare per divertirsi e divertire, non trascuriamo l’aspetto ludico». Solo elogi per Quagliarella, protagonista di una stagione favolosa: «Sa fare le cose, sa come allenarsi, ma poi ha giocato grandi partite nella sua carriera. Ha una maturità straordinaria, ma se questa non fosse sostenuta da una condizione fisica eccellente non gestirebbe tutte le situazione a questo modo: dobbiamo conservarlo». Oggi, però, il bomber campano è uscito dal campo toccandosi la coscia destra e si teme un breve stop per lui: «Non conosco le condizioni, valuteremo. Abbiamo due partite durissime, ma se non lo recupero per mercoledì sarà per domenica».

Sull’obiettivo Europa League, Giampaolo va cauto: «Non posso saltare step. La Juventus ha un obiettivo, deve arrivare fino alla fine in tutte le competizioni, ma noi non siamo loro. Ho sempre cercato di toccare i tasti giusti, ma l’aspetto ludico va preservato: se mettiamo davanti a questo l’obiettivo, ci snaturiamo. Le partite diventerebbero più fisiche e individuali che tecniche, e questo limiterebbe la nostra qualità». I prossimi giorni non dovrebbero preoccupare il tecnico della Sampdoria, per quanto riguarda il mercato, dato che la società ha sempre dichiarato di non voler perdere pedine fondamentali a metà stagione: «E’ contento il presidente, così almeno non deve acquistare. Venderà a giugno», ha concluso.