Sampdoria, Gabbiadini sul Covid: «Ecco la mia esperienza»

© foto www.imagephotoagency.it

Manolo Gabbiadini ha raccontato la sua esperienza con il Covid, che aveva contagiato diversi calciatori della Sampdoria

Manolo Gabbiadini, a diversi mesi di distanza, ha voluto raccontare la sua esperienza con il Coronavirus, che ai tempi dei picchi italiani aveva contagiato diversi giocatori della Sampdoria. E lo ha fatto ai margini del Festival dello Sport.

LA SCOPERTA – «Un giorno avevamo l’allenamento mattutino, ma io mi sono svegliato e mi sentivo un pò caldo. Misurando la febbre è risultato 37.4, e allora decisi di avvisare il medico della squadra. che mi consigliò di restare a casa, per non rischiare. Contattai il mio medico di famiglia per fare il tampone, eravamo a metà marzo. Il pomeriggio dopo mi confermò la positività».

IL RIENTRO – «Quando sono rientrato eravamo tutti abbastanza tranquilli, nonostante non ci vedessimo da un mese a causa del lockdown. Siamo stati fortunati perchè tutti noi non siamo stati male, ci aggiornavamo ogni giorno sulla chat della squadra».

I COMPAGNI – «Tra di noi nessuno ha avuto sintomi eclatanti. C’era chi aveva 38 di febbre e chi, come me, qualche linea come 37.5. Fortunatamente nessun sintomo grave. Io, a parte la tosse, ho avuto solo un pò di debolezza ma dopo 4-5 giorni era già passato tutto».