Sampdoria, infrangi il tabù: battere il Cagliari per riprendere il volo

quagliarella sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria, la Sardegna è un tabù difficile da sfatare, ma l’imperativo è fare punti: i precedenti raccontano di un match molto difficile

Per la Sampdoria, fra i diversi campi della Serie A, ce ne sono alcuni che costituiscono dei veri e propri tabù: uno è il “Franchi”, e la speranza è che gli uomini di Giampaolo replichino mercoledì 13 l’impresa di inizio campionato, quando violarono il terreno di casa dei gigliati per 1-2. Un altro è il “Dall’Ara”, che due turni fa si è confermato tale con i blucerchiati che sono usciti sconfitti per 3-0. C’è poi il campo di casa del Cagliari: la squadra di Lopez ha cambiato diversi stadi in questi ultimi anni, ma la sostanza, per la Sampdoria, non è cambiata: in Sardegna i blucerchiati perdono puntualmente. Si tratta senza dubbio di una tendenza che va invertita se la squadra di Giampaolo intende confermarsi come sesta forza del campionato, ma i numeri mettono in guardia e raccontano di quanto sarà difficile per i blucerchiati strappare punti preziosi su un campo che storicamente è sempre stato molto complicato.

I confronti totali fra sardi e liguri sono 82, così suddivisi: 32 vittorie rossoblù, 32 pareggi e 18 vittorie blucerchiate. Ma restringendo la ricerca alle sole gare di Serie A giocate in Sardegna, il dato diventa davvero preoccupante: su 31 partite le vittorie della Sampdoria sono solo 4, a fronte di 10 pareggi e di 17 vittorie degli isolani. Una statistica davvero incredibile, degna di un avversario come potrebbe essere la Juventus. A Cagliari, in effetti, la squadra di casa, quando gioca contro i blucerchiati, sembra trasformarsi, e riesce a raggiungere la vittoria anche nei modo più incredibili, come successo lo scorso anno quando, dopo il pareggio di Bruno Fernandes, il neo entrato Federico Melchiorri firmò la vittoria del Cagliari in pieno recupero grazie ad un errato rinvio di Viviano. La Sampdoria dovrà dunque trovare grande concentrazione e grinta per battere i rossoblù e riprendere la propria marcia in campionato: quella stessa grinta che, 10 anni fa, ebbe la Sampdoria di Mazzarri quando riuscì ad espugnare il “Sant’Elia” grazie alle reti di Volpi, Caracciolo  Maggio, firmando l’ultimo successo doriano sull’isola sarda.

Articolo precedente
Coppa Italia, biglietti in vendita libera per Fiorentina-Sampdoria: tutte le info
Prossimo articolo
Manganiello moviolaCagliari-Sampdoria, arbitra Pasqua: col Benevento fu vittoria