Connettiti con noi

Hanno Detto

Sampdoria, Lanna: «Ferrero non poteva durare. Vialli? Penso questo»

Pubblicato

su

Marco Lanna, ex calciatore della Sampdoria, fa il punto su Massimo Ferrero e sul futuro del club con l’ombra di Vialli che incombe

Marco Lanna, ex calciatore della Sampdoria, ha fatto il punto su Il Secolo XIX su Massimo Ferrero e il futuro del club con Gianluca Vialli sullo sfondo.

MOMENTO BRUTTO«Questo è sicuramente un momento brutto nella storia della Sampdoria. Non è quello che un tifoso si aspetta. Già non era forse il presiente che si sarebbe voluto. La Sampdoria ha sempre avuto presidenti a modo, persone a posto: vedere il presidente arrestato non fa piacere».

OPERATO DI FERRERO«A livello di immagine, soprattutto all’inizio, era difficile vederlo nelle vesti di presidente della Sampdoria, è un personaggio particolare. A livello sportivo soprattutto nei primi anni ha fatto bene, i conti erano in ordine, comprava e vendeva in modo positivo, con grosse plusvalenze, ha fatto un buon lavoro. Si poteva criticare su tante cose ma non sul punto di vista sportivo, a parte forse quest’anno in cui il mercato è stato meno florido. Ripeto, se non è mai piaciuto è soprattutto per un discorso d’immagine».

VIALLI«È la speranza che abbiamo tutti, con Gianluca tornerebbe l’entusiasmo mancato. Sul futuro chissà, è una cosa più grande di me, non so cosa succederà. Non so quanto possa influire sulla vendita ma probabilmente qualcosa avverrà in tempi più rapidi. Non credo che l’era Ferrero potesse durare a lungo e questo potrebbe velocizzare il processo ma sono mie supposizioni. Non ho dati su possibili trattative e bisognerebbe parlare con gli avvocati per saperne di più».

DERBY«Nessuna delle due squadre è al top. Il derby è sempre il derby, offre stimoli a parte, non credo che questa vicenda incida più di tanto. Da giocatore non pensavo alle cose societarie anche se non ho mai vissuto una cosa simile. Credo e spero che i giocatori siano bravi a isolarsi, c’è bisogno di una risposta forte sul campo non per le questioni societarie ma per i tifosi perché dopo la Lazio un po’ di dubbi sulla squadra e sull’apparato tecnico ci sono. Forse il derby arriva nel momento giusto perché è la gara che può dare una svolta, ovviamente dovrà darla in senso positivo per rilanciarsi verso un torneo più tranquillo».