Sampdoria, l’ex Cacciatore amareggiato: «La Serie A per me è finita»

© foto www.imagephotoagency.it

Fabrizio Cacciatore, ex centrocampista della Sampdoria, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al suo futuro in Serie A

Fabrizio Cacciatore, ex centrocampista della Sampdoria e attualmente svincolato, ha rilasciato una lunga intervista a Tuttomercatoweb.com, in merito al suo futuro in Serie A.

LEGGI ANCHE – Serie A, classifica pali e traverse: Sampdoria male, Genoa fortunato

SVINCOLATO – «Sono a casa, la sto vivendo male, davvero. Quando è così tutto il mondo addosso. Non è il calcio che uno si aspetta, quello della meritocrazia non esiste più. Finché giochi e vedi qualcuno che secondo te non meriterebbe dici ‘vabe sto giocando anch’io’. Quando sei fuori sei incazzato e fai fatica a comprendere certe cose. Oggi il calcio non è più il gioco più bello del mondo, è solo fare soldi e basta».

PESCARA – «Perché non sono andato al Pescara? Possono dire quello che vogliono, ma so per certo che qualcuno del Cagliari ha parlato male di me. Perché fino ad un’ora prima era tutto fatto. Mi ha cercato il Pescara, mica mi sono proposto. Un’ora dopo il presidente ci ha ripensato dicendomi che al mister servivano altre caratteristiche. Poi qualcuno del Pescara mi ha assicurato che avrebbero voluto prendermi. Poi il presidente ha parlato con qualcuno del Cagliari che ha detto che il mio stato fisico era precario. Siamo dei numeri, chi può metterti i bastoni tra le ruote lo fa».

SERIE A – «Credo che per me la Serie A sia finita. Sono fermo da luglio. Ho trentaquattro anni. O trovi un’occasione dove una squadra ha necessità immediata oppure fai fatica. Ma io vengo dalla C2, se c’è un bel progetto non ho nessun problema a scendere di categoria».

CAMPIONATO – «Guardo poco. Ma il Sassuolo sta facendo un grande campionato e sta facendo vedere che il mister è molto preparato. La Juve deve ancora ingranare, quando arriva un allenatore nuovo è normale. Il Sassuolo invece lavora con lo stesso allenatore da anni».

GENOA – «Maran? È nuovo. La squadra ha avuto parecchi problemi legati al Covid. Ci vuole tempo».

CHIEVO – «Tra varie emergenze sta facendo bene. Hanno avuto qualche problema ma sono stati fatti gli acquisti giusti. Spero torni in Serie A».