Connettiti con noi

Avversari

Milan, Pioli: «La Sampdoria ha fatto una bella partita in fase difensiva»

Pubblicato

su

Stefano Pioli ha parlato a DAZN dopo la vittoria del Milan contro la Sampdoria. Le dichiarazioni del tecnico rossonero

Stefano Pioli, tecnico del Milan, ha parlato della vittoria alla prima giornata contro la Sampdoria. Le sue dichiarazioni ai microfoni di DAZN.

ANALISI – «La Sampdoria ha fatto una bella partita in fase difensiva, abbassare Diaz ci permetteva di costruire senza buttarla via. Mi è piaciuto il ritmo, sono soddisfatto. Abbiamo fatto bene, tutto quello che aveva programmato è stato fatto. Ero sicuro che saremmo stati pronti. Secondo me ci sono tante situazioni che possiamo migliorare, sicuramente troveremo dei vantaggi in più. So che abbiamo fatto una buona preparazione, la prestazione della squadrami è piaciuta. Ho apprezzato che hanno difeso e attaccato da squadra, ma possiamo fare ancora meglio»

PRESTAZIONI – «Tutti i giocatori dell’anno scorso hanno giocato 20 partite come minimo, però ho apprezzato Sandro, Tonali, Krunic. Quest’anno dobbiamo avere 20 titolari perché abbiamo tante competizioni e tante ambizioni. I ragazzi stanno crescendo e devono continuare a lavorare con questa intensità. Giroud? È un campione, lavora per la squadra, ha qualità morali e tecniche. Ci dà spessore come Ibrahimovic, Kjaer. Danno consigli, conoscono le dinamiche di spogliatoio e danno un contributo importante. Ha fatto una buona partita, il gol arriverà»

SAMPDORIA – «Sapevamo che la Sampdoria avrebbe cercato di prenderci in parità numerica, per questo è veramente importante avere un calciatore come Maignan. Dobbiamo diventare imprevedibili. Siamo una squadra forte e tutti ci vorranno battere. Nel calcio moderno, con tecnici importanti come abbiamo in Italia, è necessario cambiare in corsa per non far trovare agli altri le contromisure. Ho apprezzato la curiosità di Maignan, l’inizio è buono. Sapevamo che la Sampdoria ci avrebbe creato difficoltà, un po’ abbiamo sofferto, ma sono soddisfatto. Non rimpiangiamo nessuno di quelli che se ne sono andati, li abbiamo ringraziati ma abbiamo fatto tutti altre scelte e voltato pagine. Sono in un club che ha le mie stesse ambizioni e questo spinge a dare il meglio di noi stessi. Saremo preparati anche ad affrontare le difficoltà»

FLORENZI – «Florenzi? Alessandro fa parte dei giocatori intelligenti e sono molto utili. Lui potrà fare più ruoli: terzino destro, in un centrocampo a tre. Lui sa stare in campo. Ha visto e vissuto bei palcoscenici. Ci farà crescere molto. Ora abbiamo il Cagliari, poi dopo la sosta ogni tre giorni».

SQUADRA – «Siamo più forti di due anni fa perché siamo cresciuti, perché abbiamo superato e passato dei momenti delicati, perché ci siamo accompagnati nello stesso percorso. Non vuol dire vincere tutte le partite ma essere competitivi, speriamo di essere più bravi dei nostri avversari».