Connettiti con noi

Focus

Sampdoria Napoli: top e flop del match VOTI

Pubblicato

su

sampdoria

Sampdoria Napoli, i top e i flop del match della 29a giornata del campionato di Serie A: Keita evanescente, si salva Audero

La Sampdoria cade tra le mura del Ferraris e viene sconfitta dal Napoli in occasione della 30a giornata del campionato di Serie AI top e i flop del match.

LEGGI ANCHE – Sampdoria-Napoli: gli highlights del match


Sampdoria-Napoli: i top del match

Audero 7 – Molto attento nel primo tempo. Sicuro nella gestione della palla coi piedi e deciso nei cross tesi azzurri. Reattivo sul tiro a giro di Insigne, stilisticamente non perfetto ma efficace. Non può nulla sul vantaggio napoletano. Ad inizio ripresa miracolo sul tiro ravvicinato di Zielinski. Al 54′ doppia prodezza sul tiro da fuori di Ruiz e sulla respinta di Insigne. Impossibile ribattere il 2-0 di Osimhen.

Gabbiadini 6,5 – Il 23 blucerchiato conferma la determinazione delle ultime uscite. Lotta su ogni pallone e non sembra soffrire la forza fisica dei centrali partenopei. Sono suoi i pericoli maggiori per il portiere avversario. Non riesce a segnare, sul passaggio di Damsgaard, davanti ad Ospina. Molto bello il tiro dal limite che trova l’ottima opposizione del colombiano.

Damsgaard 6 – Il talentino blucerchiato ci prova, non ha paura di forzare la giocata ma non sembra incidere nel primo tempo. Nella ripresa inizia forte e il dialogo con i compagni sembra migliorare. Ranieri lo sposta al centro e il danese cresce, è aggressivo e forza il pressing sui portatori di palla azzurri. Suo l’assist per la ghiotta occasione di Gabbiadini.


Sampdoria-Napoli: il flop del match

Jankto 5,5 – Il 14 della Samp gioca in una posizione non sua e dopo un inizio voglioso non riesce ad incidere sulla partita, qualche buon dribbling a centrocampo e una prova di sacrificio non sono sufficienti per aiutare i blucerchiati nel bloccare la manovra avversaria e per velocizzare l’offensiva dei liguri. Nel secondo tempo alterna il ruolo di mezzala a quello di esterno e migliora nei primi minuti ma, anche in questo caso, non lascia il segno.

Candreva 5,5 – Prova al di sotto della ultime uscite per l’ex Inter. Inizio propositivo e buoni spunti nel dialogo con il centrocampo. Quando il Napoli aumenta la pressione, l’87 blucerchiato fatica e sembra uscire dalla sfida, con poche iniziative e molte imprecisioni. Una di queste rischia di consegnare agli azzurri la palla del vantaggio. Spreca malamente al 60′ un contropiede, su un errore del centrocampo napoletano, servendo Quagliarella invece che il più libero Jankto a sinistra.

Thorsby 5,5 – Il norvegese deve guidare il centrocampo della Sampdoria. Comincia la gara con la solita grinta. Aggredisce la mediana partenopea ma non trova la quadra in fase di impostazione. Generoso nell’impegno e nella corsa, riesce ad essere in ogni zona del campo, qualche buona chiusura in area blucerchiata non basta per elevare la sua prestazione. Sfortunato quando il Var vede una spinta di troppo di Keita e gli nega la gioia dell’1-1.

 

Advertisement