Connettiti con noi

News

Sampdoria, obiettivo sostenibilità: il mercato per ripianare i debiti

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

La preoccupazione maggiore della Sampdoria è rendere sostenibile il suo debito: ricavi stadio non incidono, serve cedere sul mercato

La prima preoccupazione della Sampdoria, come analizza La Repubblica, non è legata al destino del concordato di Eleven Finance (che la tocca solo marginalmente in qualità di garanzia esterna in caso di approvazione del piano da parte del Tribunale fallimentare di Roma, a oggi in bilico) ma a rendere sostenibile il suo debito. Per farlo serve aumentare i ricavi, in che modo?

La riapertura parziale dello stadio (ora al 75%) non incide e sono da escludere iniezioni di capitale da parte della società. L’unica possibilità, nell’impossibilità di chiedere altri prestiti e fare altri debiti, è ricorrere al mercato di gennaio e cedere quei giocatori che non sono stati ceduti nella sessione estiva. I nomi più caldi sono Morten Thorsby e Mikkel Damsgaard. Il bilancio del 2020 si era chiuso con 14.7 milioni di euro di passivo (tenuto conto che la Sampdoria ha usufruito della sospensione egli ammortamenti per 36.6 milioni di euro grazie alla normativa emergenziale).