Sarri: «Arbitraggio? Non è piaciuto nemmeno a noi»

sarri
© foto www.imagephotoagency.it

Mister Sarri dopo Napoli-Sampdoria: «Le condizioni del terreno ci hanno messo in difficoltà. Arbitraggio sfavorevole anche per noi»

Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri è intervenuto ai microfoni di Sky Sport dopo la rimonta contro la Sampdoria: «Era una situazione che ci poteva mettere in grandissima difficoltà. Nel primo tempo abbiamo perso un numero di palloni impressionante, loro ci prendevano troppo alti e questo perchè le condizioni del terreno non ci concedevano di giocare in velocità. Un’altra causa – prosegue il mister – è stata il grande lavoro fatto in questi ultimi giorni che ci ha affaticato, ma, ribadisco, il terreno di gioco ci ha penalizzato».

SARRI SU TONELLI – Protagonista della serata, Lorenzo Tonelli. Il centrale azzurro, alla prima presenza stagionale con la maglia del Napoli, ha segnato il gol del vantaggio allo scadere: «Il ragazzo ha avuto pazienza, noi parecchia perchè lui è stato infortunato, negli ultimi mesi ha fatto grandi passi avanti, vedendolo bene negli ultimi dieci giorni mi è sembrato giusto offrirgli una opportunità. La sensazione era che fosse pronto fisicamente e che dovesse giocare: ma era già un paio di partite che mi frullava in testa di metterlo».

TERRENO DI GIOCO – Tre punti importanti messi in saccoccia dal Napoli che, anche se grazie ad un’espulsione in giusta, riesce a vincere dopo una buona prestazione offerta: «Sono contento di quello che hanno fatto nel secondo tempo i ragazzi – spiega – non potevamo giocare il nostro calcio per via delle condizioni del terreno, ci hanno mezzo “cazzimma” e questo è da premiare. Oggi l’abbiamo ribaltata ma le statistiche si seguono fino ad un certo punto, mentalmente la squadra ha creduto nella vittoria anche se non poteva giocare il suo calcio. Non so se è fortuna oggi o sfortuna quella con il Sassuolo: l’ordine in campo abbiamo fatto bene, gli ultimi venti minuti con quattro attaccanti in campo era rischiosa, quindi la squadra è rimasta abbastanza ordinata e ha cercato di ribaltarla giocando al calcio. Nel primo tempo abbiamo pagato troppo anche in brillantezza e anche dal punto di vista fisico, le soste sono pericolose anche per questo. In questa partita quello che dovevamo fare è quello che abbiamo provato stamattina, chiaramente con il centrocampo a tre ha fatto fatica, abbiamo cercato di muovere la palla in una zona di campo dove la Sampdoria è bravissima a fare densità e pressione. Dovevamo provare a fare più giocate in velocità e con questo terreno il margine di errore aumenta in dismisura».

DELUSIONE – Mister Giampaolo non si è presentato alle telecamere nel post-partita, mentre il presidente Ferrero ha esternato tutta la sua ira per l’espulsione di Silvestre. Tuttavia, secondo Sarri ce n’è anche per il Napoli: «Frustrazione di Giampaolo o la rabbia di Ferrero, cosa è comprensibile? Io comprendo, essendo uno incazzoso, capisco l’amarezza dell’uno che perde al 95’ e quella di Ferrero, a noi non hanno espulso nessuno però non è stato concesso molto al Napoli: ci poteva essere un rigore non dato, e poi la Sampdoria ha avuto un atteggiamento, soprattutto Puggioni, che non è stato sanzionato. Per questo – conclude – l’arbitraggio non è piaciuto nemmeno a noi».