Savoldi avvisa la Sampdoria: «Attenta all’organizzazione dell’Atalanta»

sampdoria lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Beppe Savoldi elogia Quagliarella e la Sampdoria di Claudio Ranieri in vista del match contro l’Atalanta

Beppe Savoldi, sulla pagine de La Repubblica, parla della Sampdoria in vista del match contro l’Atalanta con un focus particolare su Fabio Quagliarella.

PARAGONE – «Mi fa piacere essere accostato a Quagliarella. Mi è simpatico come persona, lo apprezzo come giocatore. È completo, ha tutto: corsa, tecnica, fantasia, in acrobazia inventa gol eccezionali. Mi rivedo nell’opportunismo, nel senso del gol»

COPPIA CON QUAGLIARELLA – «Coppia? Ritengo di sì, ma certamente adesso dovrebbe giocare per me. Io starei al centro dell’area ad aspettare la palla buona»

IL PASSATO – «Non faccio confronti, era un calcio diverso. Certamente con la marcatura a uomo gli spazi erano molto limitati. A livello di esperienza personale posso solo dire che quando incontravo formazioni a zona, come mi è capitato a fine carriera, segnavo di più. Insomma viva la zona, almeno per me».

SAMPDORIA – «La Sampdoria ha avuto dei problemi lo scorso campionato, ma è riuscita a salvarsi. Mi sembra in ripresa. Gioca un calcio aperto, molto propositivo. L’Atalanta ha uno stile molto offensivo e quindi sarà sicuramente una partita ricca di capovolgimenti»

ATALANTA – «Non sta attraversando un buon momento. Hanno ormai undici nazionali e a Napoli erano appena tornati dagli impegni internazionali e non sono riusciti a esprimersi. Rimane però una formazione con la mentalità vincente. Segna e subisce tanto, vuole fare la partita ed imporre i suoi ritmi»

ORGANIZZAZIONE – «Mi preoccupa l’organizzazione, ormai giocano a memoria. La Sampdoria deve chiudere bene a centrocampo e poi, con il passare dei minuti, potrebbe approfittare di spazi più ampi»