Connettiti con noi

News

Scontri in Piazzale Kennedy: otto Daspo a tifosi di Genoa e Sampdoria

Pubblicato

su

Arrivata la sentenza del Questore di Genova in relazione ai fatti del febbraio scorso: otto i Daspo a tifosi di Genoa e Sampdoria. La nota

Il Questore di Genova ha emesso la sentenza riguardo gli scontri a Piazzale Kennedy tra alcuni tifosi della Sampdoria e del Genoa. Il comunicato stampa.

«Il Questore ha emesso, a mezzo la Divisione Anticrimine, la misura di prevenzione del D.A.Spo per complessivi 31 anni, nei confronti di 8 soggetti coinvolti nella violenta rissa, avvenuta in questo piazzale Kennedy lo scorso 24 febbraio, che ha visto contrapporsi due gruppi di individui travisati ed armati di cinghie e bastoni risultati appartenere alle tifoserie sampdoriana e genoana.

La successiva attività investigativa dalla locale DIGOS ha consentito di individuare i partecipanti agli scontri permettendo l’emissione della misura di prevenzione avvenuta nel rispetto delle modifiche normative introdotte dalla L.772019 che ha modificato l’art. 6 comma 1 lett. c della Legge N. 401 dell’89.

I provvedimenti hanno una durata che variano da un massimo di 10 anni ad un minimo di 1 anno: per i soggetti recidivi, già destinatari di precedente D.A,Spo., è stato imposto, altresì, l’obbligo di presentazione presso un ufficio di Polizia, durante gli incontri di calcio del CFC Genova 1893 e della U.C. Sampdoria, per la medesima durata della misura di prevenzione. In totale sono 2 le persone destinatarie di quest’ulteriore obbligo già convalidato da parte dell’A.G.

Infine, per 1 dei soggetti coinvolti, oltre all’obbligo di presentazione poiché già condannato definitivamente per altri reati, è stata imposta l’ulteriore prescrizione del divieto di possesso ed utilizzo, per la durata della misura da scontare, di armi a modesta capacità offensiva, strumenti di libera vendita in grado di nebulizzare liquidi o miscele urticanti, prodotti pirotecnici, nonché sostanze infiammabili e mezzi idonei a provocare lo sprigionarsi di fiamme».