Connettiti con noi

News

Sampdoria, Ranieri: «Il Milan non è solo Ibra. Ho perso Ekdal» – VIDEO

Simone Fargnoli

Pubblicato

su

ranieri sampdoria

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro il Milan – VIDEO

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro il Milan. Le sue dichiarazioni.

GUARDA LA CONFERENZA STAMPA DI RANIERI SUL CANALE YOUTUBE DI CALCIONEWS24

CAMPIONATO – «Milan Sampdoria e Napoli sono le squadre che hanno fatto più punti rispetto all’anno scorso. Abbiamo lavorato bene. Sono contento per Pioli e per il Milan. Gli auguro le migliori fortune».

IBRAHIMOVIC – «Affronteremo un grande avversario che molti identificano con Ibrahimovic ma che in realtà è molto di più. Sta facendo capire che cosa è il calcio. Sacrificio passione e allenamenti seri. Grande combattività e voglia di migliorarsi. Un campione a tutto tondo che stimola anche i compagni».

MILAN – «Loro sono ancora in lotta per lo Scudetto ma noi ci faremo trovare pronti perché non abbiamo ancora raggiunto i nostri obiettivi e vogliamo continuare a crescere».

SAMP – «Voglio vedere una Samp gagliarda, tenace, resiliente che cerca di fare del suo meglio. Sappiamo quello che dobbiamo fare».

SETTIMANA – «Abbiamo fatto degli ottimi allenamenti. Abbiamo fatto allenamenti mirati. Abbiamo spinto di più sull’acceleratore. Chi è rimasto ha fatto ottime cose, sono dei ragazzi eccezionali».

NAZIONALI – «Le nazionali sono uno stimolo non portano solo problemi anzi, per chi ha la fortuna di rappresentare la propria nazione c’è una grande iniezione di fiducia e autostima. I giocatori devono essere orgogliosi e onorati. Ritornano sempre belli caricati.  Noi abbiamo avuto Yoshida in Giappone e altri in Africa. La cosa particolare è legata al Coronavirus. Il rischio infortuni è sempre dietro l’angolo: in questo periodo per di più c’è anche maggior apprensione per il COVID-19».

EKDAL E SILVA – «Ho perso Ekdal è vero ma per fortuna non sembra un infortunio grave, per cui va bene. Domani giocherà Silva è un giocatore ideale per quel ruolo e lo sostituirà, è uno dei punti di forza di questa squadra. Non è facile cambiare nazione ed è un campione d’Europa. Serve tempo, è stato fermo nove mesi, il nostro è un campionato difficile. All’inizio ha stentato, poi ha ingranato. Inoltre, chi è rimasto a Bogliasco si è allenato bene e sono convinto che potremo schierare una formazione competitiva per giocare una gara tenace e resiliente».

OBIETTIVO – Il mio obiettivo è fare meglio dello scorso anno. Abbiamo fatto 26 punti all’andata. Dobbiamo cercare di puntare ai 52. Rimane difficile ma non è impossibile. Testa bassa e pedalare».

Advertisement