Connettiti con noi

News

PAGELLE Sassuolo Sampdoria: Yoshida certezza, Damsgaard in sofferenza

Pubblicato

su

Sassuolo Sampdoria, le pagelle del match: Yoshida evita il disastro, Keita lotta, Damsgaard fuori dalla partita

Audero 6,5 – Il portiere comincia alla grande la sua partita. Al 2′ intervento perfetto sulla bomba dal limite di Berardi. Il Sassuolo tiene in mano il pallino del gioco con molto possesso palla ma quando attacca è pericoloso, il numero uno blucerchiato lo sa ed è attento su ogni pallone. Non può far nulla sull’1-0 di Berardi ed è sicuro nei numerosi tiri in porta che vengono bloccati con sostanziale tranquillità.

Bereszynski 6 – Il polacco torna titolare dopo lo stop di Crotone. In apertura soffre la velocità degli emiliani, poi prende le misure e cresce. Molto attento in fase difensiva, con clienti difficili come gli attaccanti del Sassuolo. Propositivo sull’esterno e negli scambi con il compagno di fascia. Purtroppo per la Samp, un po’ impreciso negli ultimi trenta metri. Soffre molto, nel secondo tempo, l’ingresso di Boga.

Yoshida 7 – Gara pulita per il giapponese. Funziona il dialogo con i compagni di reparto. Dimostra un senso della posizioni come pochi nella Sampdoria. Perfette le chiusure sulle avanzate in verticale del Sassuolo. Al 55′ si immola sul tiro a botta sicura di Berardi ed evita lo svantaggio per i genovesi. Un minuto dopo devia di testa il tiro a giro dello stesso 25 emiliani. Il migliore dei suoi.

Colley 5,5 – Prova sicura per il gambiano fino al gol di Berardi. Nel primo tempo le sue chiusure sui cross dal fondo degli esterni neroverdi sono funzionali e salvano i blucerchiati. Ottimo sugli anticipi per provare a stoppare la manovra avversaria prima dell’ingresso in area. La ripresa è più complicata perché aumenta la spinta dei padroni di casa. Errore grave in occasione del vantaggio emiliano, sbaglia due volte, prima legge male la traiettoria del cross dalla sinistra e, poi, si addormenta e non riesce a rimediare.

Augello 6 – L’ex Spezia si trova davanti avversari pericolosi, Berardi e Defrel sono due spauracchi che spaventano ma il terzino riesce a respingere le avanzate neroverdi. Non trova le sovrapposizioni giuste per impensierire la difesa dei padroni di casa ma non smette mai di lottare.

Candreva 6 – Inizio superbo per l’esterno blucerchiato. Nei primi venti minuti è perfetto nelle due frasi e sfrutta la sua classe in mezzo al campo con dei disimpegni di qualità. Tutta sostanza nel resto della partita, porta esperienza ad un centrocampo che pecca di tecnica. La ripresa è più difficile perché è costretto a sacrificarsi visto che il forcing del Sassuolo aumenta. Non trova la giocata giusta ma cerca di aiutare Bereszynski nel contenimento di Boga.

Thorsby 5,5 – Senso tattico e sacrificio sono le parole d’ordine della sua partita. Ranieri gli chiede di guidare il centrocampo come regista e, nonostante qualche errore nell’impostazione della manovra, non sfigura in fase di contenimento. Nel corso del match sembra uscire dalla gara blucerchiata e passa il tempo ad inseguire i giocatori avversari in possesso di palla.

Jankto 5,5 – Il ceco alterna il ruolo di mezzala a quello di esterno. All’11’ sbuca dal nulla e va ad un centimetro dal vantaggio. Poi prova a calciare dal limite ma non trova la porta. La voglia e il sacrificio non mancano. Quando il Sassuolo alza il baricentro e la Sampdoria non riesce ad uscire il 14 fatica ad incidere. Nel finale finisce la benzina e fa troppi errore che fanno ripartire i neroverdi, Ranieri lo capisce e lo richiama in panchina, forse con un po’ di ritardo (dal 78′ Leris s.v. -).

Damsgaard 5 – Il danese è fuori dal gioco già nel primo tempo. Non riesce ad incidere e tocca pochissimi palloni. Ranieri gli chiede di andare a disturbare i portatori neroverdi ma ci riesce poche volte. Apprezzabile solo per impegno e voglia. Sembra patire molto i continui cambi di posizione dei blucerchiati. Partita da dimenticare per il giovane (dal 78′ Askildsen s.v. -).

Gabbiadini 6 – L’attaccante comincia forte ed entra nel vivo delle azioni blucerchiate, aiuta il centrocampo e rispetta tutte le indicazioni del tecnico romano. Poi, nella seconda fase del primo tempo, cala leggermente ma è la solita garanzia. Ad inizio ripresa fatica molto perché il baricentro della Sampdoria si abbassa troppo e non gli arrivano palloni giocabili (dal 63′ La Gumina 5,5 – Non aiuta Keita nell’impensierire la difesa del Sassuolo. A pochi minuti dalla fine il suo tiro sulla sponda di Keita viene ribattuto da Ferrari. Poi scambia con il senegalese ma non basta. La voglia è, però, quella giusta).

Keita 6 – Inizio difficile per il senegalese, qualche errore di troppo nella gestione del pallone. Non riesce a chiudere gli scambi con Gabbiadini. Lotta più del solito e fatica per la squadra, dopo la mezzora salva un paio di pericoli in area doriana. Nella ripresa prende molti falli che fanno respirare i blucerchiati. Calcia alta al 61′ una chance interessante dal limite.

SASSUOLO (3-5-2): Consigli 6; Chiriches 6,5, Marlon 5,5 (dal 46′ Boga 7), Ferrari 6,5; Kyriakopoulos 6 (dal 61′ Rogerio 6,5 ), Traore 6,5, Locatelli 6,5, Lopez 6, Toljan 6 (dal 61′ Muldur 6,5); Berardi 7,5 (dal 85′ Magnanelli s.v.), Defrel 5,5.

Advertisement