Connettiti con noi

News

Pagelle Cagliari Sampdoria: Candreva sbaglia troppo, Augello spaesato

Pubblicato

su

Cagliari Sampdoria, le pagelle del match: Quagliarella non punge, Augello da rivedere, giornata no per Candreva

Audero 5,5 – Inizio in salita per il classe ’97 che dopo pochi minuti deve già raccogliere la palla in fondo al sacco. Attento sugli spioventi lunghi nella sua area, ma la pressione del Cagliari non gli crea troppe preoccupazioni nella prima frazioni. Sicuro sul tiro di Marin a inizio ripresa. Bel gesto dopo il bell’intervento su Keita.

Bereszynski 5,5 – Il polacco si vede poco, qualche buona iniziativa sull’esterno ma manca il guizzo negli ultimi trenta metri. Serve più precisione in fase di contenimento. Nella ripresa guadagna campo ma non riesce quasi mai ad incidere, servono idee e dalla panchina non ne arrivano. Con lo scorrere del tempo esce dal gioco.

Yoshida 5 – La retroguardia non ha corso tanti pericoli ma resta improponibile l’errore in occasione dell’1-0 dei padroni di casa. Soffre la velocità di Keita e concede spazi ingiustificabili. Prova a rimediare alzando la linea difensiva ma non basta.

Colley 5 – Stesso discorso fatto per il compagno nipponico, qualche buona chiusura non cancella l’errore di reparto sul vantaggio rossoblù. La partita scivola via, ormai condizionata da errori evidenti di una retroguardia che non può continuare così.

Augello 4,5 – Sembra spaesato l’ex Spezia che è troppo confusionario e impreciso, sia in fase di impostazione, sia in quella difensiva. Il terzino deve recuperare la forma mentale e fisica altrimenti D’Aversa potrebbe rivedere le sue gerarchie  (dal 66′ Murru 4,5 – Peggio di Augello oggi era difficile fare, ma lui forse riesce a farlo ed è quasi imbarazzante sul 3-1 ai rossoblù).

Askildsen 6 – Se nel primo tempo lotta e sembra dentro il gioco e la manovra blucerchiata, nella ripresa non riesce a recuperare palloni e a gestire il dialogo con i compagni come a inizio gara. Buon esperimento per D’Aversa che dimostra di credere nel norvegese, la valutazione però è rimandata (dal 66′ Verre 5,5 – Si vede poco il trequartista che non riesce ad entrare in partita, prova qualche giocata per via centrale ma senza successo).

Silva 6,5 – Il portoghese gioca bene, è colui che fa girare la squadra e prova a dettare una manovra che oggi ha faticato ad uscire. Spesso sembra predicare nel deserto del centrocampo. Probabilmente l’unica nota positiva di giornata.

Thorsby 5,5 – Partita negativa del norvegese. Tanti errori in fase di impostazioni e tanti ritardi nel cercare di contenere gli avversari. L’ammonizione è la ciliegina negativa di una prestazione sottotono. Il gol gli evita un giudizio peggiore.

Candreva 5 – Croce e delizia nel primo tempo. Sbaglia nell’occasione dell’1-0 del Cagliari ma poi diventa l’uomo più pericoloso della Sampdoria colpendo anche un palo. Nella ripresa sbaglia anche sul 2-0 di Caceres. Nonostante qualche buona giocata il giudizio è negativo. Con lo Spezia servirà svoltare.

Quagliarella 5,5  – Il capitano della Sampdoria gioca un’altra partita che non rende giustizia alla sua carriera. Ingabbiato dai difensori rossoblù non incide ed è troppo egoista. Per ripartire servirà affinare il dialogo con i compagni.

Gabbiadini 6 – Il suo rientro è una grande notizia ma l’attaccante non riesce ad incidere. Buone iniziative e qualche buono scambio non creano troppi pericoli. Nella ripresa gli arriva una mezza palle sul quale non si fa trovare pronto. Troppo presto per dare un giudizio. Il blucerchiato tornerà utile alla squadra (dal 53′ Caputo 6 – Entra e lotta l’attaccante blucerchiato che fornisce l’assist a Thorsby. La scelta iniziale di D’Aversa si rivela sbagliata. Nel finale spreca una buona occasione, dove probabilmente ha subito fallo).

CAGLIARI (4-4-2): Cragno 6; Caceres 7, Godin 6,5 (57′ Ceppitelli 6), Carboni 6; Lykogiannis 6, Nandez 6, Strootman 6,5, Marin 6, Dalbert s.v. (10′ Deiola 5,5); Joao Pedro 8, Keita 6,5 (85′ Pavoletti s.v.).